Riapre l’Apple Store della 5th Strada e il suo cubo di cristallo

Il cubo dell'Apple Store di New York
Il cubo dell’Apple Store di New York

Era il novembre del 2011 quando Apple apriva l’Apple Store sulla 5th Strada di New York. Un punto vendita che non sarebbe stato solo un negozio, ma un simbolo della presenza della società nella costa Est. Costato 6 milioni di dollari, fu il primo ad essere aperto per 24 ore al giorno.

Nel tempo il negozio ha mostrato i suoi limiti strutturali. La società attivò un cambio di design dei negozi. Un aggiornamento non reso possibile dal fatto che il negozio era per la maggior parte interrato. Poi problemi strutturali, come infiltrazioni e insetti. Così la decisione di rifarlo d’accapo. Un po’ come una bella copia dalla cattiva copia.

L'interno del Cubo
L’interno del Cubo

Dopo 2 anni di lavori e milioni investiti, il negozio ha riaperto con il doppio dello spazio. All’interno abbiamo il nuovo layout alla Today at Apple, con l’arena e l’enorme schermo per gestire gli appuntamenti e i workshop. Inoltre ci sono alberi e nuovi elementi architettonici.

Tra tutti l’enorme cubo di cristallo che è stato rifatto per l’occasione. Una delle strutture più fotografate di Manhattan. Il negozio da quando ha aperto i battenti ha visto un flusso di 57 milioni di visitatori ed è uno dei più redditizi per la società.

L'Arena
L’Arena

La piazza ridisegnata è fiancheggiata da 28 alberi di robinia fiancheggiati da fontane lineari che offrono un ambiente accogliente e tranquillo per radunarsi e sedersi. Al centro si trova lo stucchevole cubo di vetro affiancato da 18 lucernari di vetro a specchio e 62 lucernari che inondano la luce naturale nel negozio espanso sottostante. I visitatori entrano scendendo la nuova scala a chiocciola in acciaio inossidabile o guidando il dinamico ascensore circolare nella grande sala. La scala è un notevole risultato di design con 43 gradini a sbalzo che supportano un cilindro galleggiante di vetro. Sopra c’è un soffitto retroilluminato simile a una nuvola realizzato in tessuto curvo che combina luce artificiale e naturale per abbinare i toni della luce solare in tempo reale durante il giorno.

Dichiara la società in una nota. Non resta che visitarlo quando si andrà a New York.

Cosa ne pensi?