Che cos’è Quibi di cui tutti parlano

Forse in questi giorni avete sentito parlare di Quibi: una nuova app per il video streaming di contenuti. Parlo di app e non di servizio perché Quibi è nato come streaming solo per smartphone. Non si tratta di contenuti creati dal basso, come TikTok, ma di veri e propri film e telefilm dell’industria di Hollywood.

Quibi è quindi una sorta di Netflix disponibile solo per smartphone. La prima caratteristica è il fatto che i contenuti sono stati registrati con una doppia inquadratura. Questo permette di girare lo schermo dello smartphone e vedere la scena sotto due punti di vista: quello verticale e quello orizzontale.

La seconda caratteristica è la durata dei video. Ogni puntata dura 10 minuti. Alla base di questo ragionamento c’è il fatto che Quibi è stato realizzato per la fruizione in mobilità, magari durante una pausa o mentre si attende il proprio turno in qualche esercizio commerciale.

La terza caratteristica è il suo business model. Si basa su abbonamento: 5,99 € al mese se accetterete uno spot di 2 minuti ogni ora di visione, oppure 8,99 € al mese senza nessun spot. I contenuti creati per la piattaforma saranno detenuti da Quibi per massimo 7 anni, poi diventano di proprietà di chi l’ha prodotto. Inoltre dopo 2 anni potranno essere usati per sviluppare film e telefilm per altri canali.

Quindi Quibi diventa una piattaforma ideale per sperimentare format e storie. Se hanno successo dopo 2 anni possono diventare film per le sale cinematografiche o telefilm da distribuire su Netflix e altre piattaforme.

Non pensiate che alla base ci sia un gruppo di scappati di casa che cerca di fornire qualche contenuto carino. Il progetto è guidato da due veterani del settore: Jeffrey Katzenberg con un passato in Disney e DreamWorks e Meg Whitman, ex CEO di eBay e HP.

I due hanno raccolto 2 miliardi di dollari in fondi e già 150 milioni in pubblicità. Tra gli attori scritturati per i primi contenuti abbiamo nomi come Steven Spielberg, Guillermo del Toro, LeBron James, Jennifer Lopez, Reese Witherspoon e Idris Elba.

Il servizio è disponibile anche in Italia, anche se al momento tutti i contenuti non sono doppiati. I primi 90 giorni sono gratuiti, poi bisognerà pagare l’abbonamento mensile. Lo trovate nell’App Store dove l’app pesa 58,3 MB.

Cosa ne pensi?