Come saprete Apple non permette ancora di personalizzare i quadranti dell’Apple Watch. La società, di anno in anno, aggiunge quadranti realizzati dai suoi sviluppatori. Sono watchface che rispettano le linee guida della società, non sprecano risorse e soprattutto sono curate nei dettagli,

Tra queste ce n’è una che è stata introdotta con watchOS 6: la Solar Graph. Si tratta di un quadrante molto elegante che riprende le varie fasi solari durante la giornata. Onestamente non l’ho mai presa in considerazione tra i miei preferiti, ma leggendone i dettagli andrebbe rivalutata.

Jack Forster ha scritto un articolo dove si spiega in dettaglio cosa indicano i vari riferimenti grafici nel quadrante. Il quadrante, in pratica, offre l’indicazione della quantità di luce disponibile durante la giornata, dando delle informazioni che forse non tutti colgono ad un primo colpo.

Il cerchio più piccolo, quello con l’indicazione dell’ora si avvicina alla ghiera più grande ruotando durante la giornata, appoggiandosi proprio sull’ora attuale. Quindi anche non vedendo dove le lancette appoggiano, possiamo comprendere al volo in quale parte della giornata siamo.

Lo spicchio più chiaro indica la parte di giornata dove sarà presente più luce. Lo spicchio più scuro indica dove sarà buio. Se notiamo, verso la congiunzione dei due spicchi, ci sono delle fasce di quadrante di gradiente diverso, andante dal più chiaro al più scuro.

Queste indicano gli orari dove si presenteranno le albe, o i tramonti, rispetto al punto di vista di orario per i civili, orario per il settore nautico e orario astronomico. Rispettivamente hanno una differenza di 6°, 12° e 18° dalla linea dell’orizzonte.

In un cerchio stilizzato al centro dello schermo vediamo anche scorrere il sole che si sposta durante la giornata indicandoci dove si trova in base alla linea del mare. Utile per comprendere quando possiamo vederlo sorgere o tramontare.

Sempre su questo cerchio centrale vediamo diversi puntini. Alcuni sono posti sulle linee di tramonto e alba civile, nautica e astronomica. Ma se notate bene ci sono anche due puntini opposti, uno verso le ore 12 e l’altro verso le ore 24. Indicano rispettivamente i punti dove troveremo maggiore luminosità (in alto) o quando sarà il punto di notte fonda (in basso).

Per terminare altra piccola chicca. Con questo quadrante se ruotiamo la corona digitale possiamo vedere nell’orologio centrale quante ore mancano al prossimo fenomeno come tramonto, alba, crepuscolo e così via. In modo da avere un dato per preparare ad assistere a questi cambiamenti.

Join the Conversation

1 Comment

  1. Molto interessante, sono contento che ci si stato un approfondimento che ci spieghi le particolarità di questa bellissima watchface. E mi meraviglio che a molti non piaccia, la trovo veramente profonda, certo forse non è di facile ed immediata lettura. Ma dovremmo non privilegiare le watchface da “sneak peek” , da occhiata rapida che ci dà tutte le informazioni che cerchiamo, ma prestare più attenzione a quelle più “riflessive”, come in tutte le cose. Ad averci il tempo!

Leave a comment

Cosa ne pensi?