Il campanellino d’allarme fu alzato già dal 2018, quando ci accorgemmo del bust che Apple stava dando al business model degli abbonamenti nelle app. Un sistema che garantisce un flusso di costante di denaro ad Apple e agli sviluppatori.

La mia non è una critica contro gli abbonamenti in generale. Se applicati bene sono anche meritocratici. Aiutano gli utenti a scegliere bene l’app da usare per determinati compiti. Io stesso sono abbonato a molte app. Di solito con abbonamenti che non superano i 10 € annui. È questo il prezzo che reputo equo. Di più non sottoscrivo nulla anche perché gli abbonamenti tendono a sommarsi.

Come in tutti i sistemi pensati per un mondo ideale, però, c’è chi se ne approfitta. Ad oggi ci sono moltissime app che un tempo sarebbero vendute a 1,99 € e che oggi chiedono di pagare ingiustificati abbonamenti annuali. Inoltre ci sono alcune app nate con l’intento di spennare l’utente con canoni che arrivano anche a 50 € a settimana.

A tal proposito è stato coniato il termine di fleeceware, cioè software nato per spennare gli utenti. Spesso queste app si presentano come software per il foto editing, per monitorare i follower nei social network e così via. Nella realtà dei fatti dopo pochi giorni di gratuità scattano costosi abbonamenti settimanali.

Se un utente è attento può accorgersi della truffa leggendo attentamente i termini dell’abbonamento prima di sottoscriverlo. Se lo si attiva per sbaglio e ce se ne accorge in tempo, di solito entro 14 giorni, si può chiedere ad Apple un rimborso. Se non si comprende come monitorare il tutto si pagano cifre astronomiche senza giustificazione. Nell’attesa di vedere soluzioni efficaci di Apple contro questo fenomeno, ecco alcuni consigli.

Come vedere a quali abbonamenti ci si è iscritti?

Uno dei mezzi più efficaci per comprendere a cosa ci si è iscritti è accedere alla pagina dei propri abbonamenti. Alla luce del fatto che questa per me ha poca visibilità, per accedervi dovete seguire i seguenti passaggi:

  1. Aprite l’app App Store
  2. Premete sul vostro avatar in alto a destra
  3. Premete su abbonamenti

Qui avrete la lista degli abbonamenti attivi e quelli scaduti. Per disattivare un abbonamento basta premere sul nome dell’app in elenco e su “annulla abbonamento”. L’abbonamento disattivato resterà disponibile fino alla scadenza. Se volete potete sempre riattivarli quando volete.

Come chiedere un rimborso per un abbonamento pagato per errore

Nel caso in cui rimanete fregati da un’app fleeceware potrete chiedere un rimborso. La procedura non è semplicissima. Per prima cosa dovete attendere che vi arrivi la fattura dell’abbonamento per email. Poi:

  1. Andate in questa pagina di Apple.
  2. Una volta autenticati si aprirà l’elenco di app comprate e abbonamenti attivati.
  3. Accanto all’abbonamento acquistato premete su “segnala” e dall’elenco indicare il problema.
  4. Potete scegliere per esempio “voglio chiedere un rimborso” o una più severa “non ho autorizzato questo acquisto”.
  5. Indicare nel campo di testo il motivo della vostra richiesta.
  6. Inviate

Apple vi farà il rimborso sul metodo di pagamento utilizzato per pagare l’abbonamento o l’app. Il consiglio che posso darvi è di non esagerare nel chiedere rimborsi. Se Apple si accorge che comprare app, le usate un po’ e poi chiedete un rimborso ingiustificato vi bloccherà la possibilità di chiedere rimborsi futuri per un periodo di tempo. Quindi se il rimborso vi servirà urgentemente in futuro non potrete chiederlo.

Leave a comment

Cosa ne pensi?