Tropico
I trucchi per vincere a Tropico per iPad 2

Ultimamente mi sono fatto riconquistare da un gioco di strategia a cui ho giocato molto: Tropico. Si tratta di un titolo di cui vi ho già parlato in passato e che vi vede nei panni di un dittatore latino americano.

In Tropico vi trovate al comando di un’isola dove c’è un’economia molto basilare. Qui dovrete effettuare una serie di scelte: costruire infrastrutture, favorire settori (agricoltura, industria, commercio, turismo…), emanare editti in grado di cambiare l’andamento dell’economia, delle preferenze dei cittadini e dei rapporti internazionali.

L’obiettivo è sopravvivere. Sopravvivere alle crisi economiche, alle calamità naturali, agli attacchi internazionali, ai ribelli interni, alle esigenze dei cittadini e molto altro. Solo furbizia e lungimiranza vi renderanno un leader longevo e potente. Oppure potrete ricorrere a qualche trucco se siete in difficoltà. In Tropico, infatti, è possibile digitare delle parole magiche in grado di farvi affrontare vittoriosi qualsiasi sfida.

Per attivare la finestra di scrittura dei testi dovrete fare tap contemporaneamente sull’angolo superiore destro e sinistro durante il gioco. Vedrete apparire la tastiera. Da questo punto digitate i seguenti codici:

CodiceEffetto
muchopesosAggiunge 100.000 $ alle vostre disponibilità
trabajonoSblocca tutte le missioni
whiskey+20 punti con le relazioni USA
vodka+20 punti con le relazioni URSS
elpollodiabloVincete la partita automaticamente
dinggratsI dipendenti diventano subito istruiti così come gli studenti
iamthestateSbloccate tutti gli editti
speedygonzalesLe costruzioni hanno tempo di attesa zero
pachangasi+10 punti alla felicità dei cittadini
twoheadedllama100 punti per il turismo

Potrete usare i codici tutte le volte che volete. Questo ovviamente ridurrà le durate delle partite, perché sarà più semplice raggiungere degli obiettivi o salvare l’economia dell’isola.

Tropico pesa 2,5 GB e si scarica per 12,99 € dall’App Store. Funziona sugli iPhone e iPad.

Leave a comment

Cosa ne pensi?