Il Dibea D500-A Plus
Il Dibea D500-A Plus

Ci sono alcuni ritrovati tecnologici a cui mi approccio tardivamente. Uno di questi è il robot lavapavimenti. Non ho mai trovato negli ultimi anni un modello in grado di soddisfare le mie esigenze. Ho evitato, per esempio, quelli con una singola spazzola rotante, in quanto li reputavo insufficienti.

Mi sono tenuto lontano anche dai robot che aspiravano senza lavare, in quanto li reputavo non proprio efficaci. Inoltre ho atteso che la tecnologia fosse abbastanza avanzata da far abbassare i prezzi. Il risultato al momento è stato l’acquisto del Dibea D500-A Plus.

Questo modello è fabbricato da un’azienda cinese. Sul mercato esistono sicuramente soluzioni migliori, ma anche più costose. Dal robot che si gestisce con la voce a quello che svuota il sacchetto in automatico. Prima o poi i prezzi caleranno anche per quelli, ma nel frattempo con meno di 200 € ho preso questa unità.

Il Dibea D500-A Plus ha un bel design. È grande 29,5 x 29,5 x 7,5 cm e pesa circa 4 KG. È bianco e non è un robot tondo. La parte anteriore è piatta per ospitare la bellezza di 11 sensori a infrarosso. Questi servono a evitare gli ostacoli. Inoltre il muso del robot è retrattile. Se urta qualcosa entra all’interno di circa mezzo centimetro. Questo evita di danneggiare gli oggetti e avvisa al sistema di navigazione di aver urtato qualcosa.

Munito di doppia spazzola rotante (nella confezione ce ne sono anche di riserva), aspira a tre velocità per catturare solo polvere, briciole o elementi più grandi. Alla massima potenza emette 60 dB. A velocità media è abbastanza silenzioso.

All’interno ha una scatola raccogli sporco protetta da un filtro. Nella confezione c’è anche un filtro di riserva. Sulla parte posteriore si inserisce un vano con mocio per “passare la pezza” dopo aver aspirato (nella confezione ci sono due panni). Il vano si riempie togliendo un tappo. Il consiglio è di inserire un goccio di detersivo liquido per pavimenti nel vano stesso. Può contenere 95 ml di acqua. Non tantissimo. Se avete una casa grande avrete bisogno di un rabocco a metà lavoro.

La batteria integrata consente di coprire una superficie di 120 metri quadrati. Indicativamente una carica completa consente 110 minuti di operatività. Il dispositivo si ricarica con un’apposita base da lasciare a terra e attaccare alla presa di corrente. Per ricaricare tutto il robot sono necessarie circa 3 ore.

Il funzionamento del D500-A Plus è abbastanza semplice. A batteria carica si inserisce il vano del mocio sul retro (ma volendo potrete usarlo anche senza) e si preme il pulsante di accensione posto sul lato. Dopo aver premuto start una voce registrata in inglese ci dirà “start cleaning” e inizierà a pulire.

Ci sono essenzialmente due modi per gestire la pulizia: la modalità automatica e quella manuale gestita con un telecomando presente nella confezione (batterie non incluse). La modalità automatica prevede la pulizia del pavimento in autonomia. Basta lasciare le porte aperte delle stanze.

La modalità con il telecomando è utile quando dobbiamo pulire una zona precisa della stanza. Purtroppo al momento nessun robot in commercio riesce a individuare dove si trova lo sporco nella stanza scansionandola prima della pulizia. Questo modello non prevede l’uso di un’app. Forse questo è il suo limite principale.

Non avere un’app significa non avere la mappa della casa e sapere dove il robot ha pulito. Inoltre per forza di cose il firmware non si può aggiornare. Non avere un’app significa anche non poter gestire il robot da remoto o con gli assistenti vocali. Al massimo possiamo impostare un orario con il telecomando per far attivare il robot in un’ora precisa.

La modalità a guida autonoma del D500-A Plus funziona abbastanza bene. Il robot non va in giro senza senso per pulire il più possibile, ma seguirà linee dritte cercando di girare intorno agli ostacoli. Teoricamente dovrebbe creare una mappa interna della casa per pulire ogni stanza e poi tornare alla base di ricarica.

In queste settimane onestamente non ho trovato tutta questa intelligenza. Il robot cerca di pulire una stanza procedendo in linee rette per non saltare neanche un punto, ma a volte l’ho visto ritornare in una stanza già pulita in precedenza e altre passare nella stessa stanza più volte. Dubito che vi sia un senso in questo.

In una visione poetica del sistema si potrebbe pensare che il robot si accorge dove aspira più sporco e quindi decida di ripassare per effettuare un lavoro più accurato. Ma onestamente dubito che sia così proattivo di natura. Probabilmente semplicemente non integra un sistema di intelligenza artificiale, quindi va in giro a pulire finché non si scarica.

Devo ammettere che la pulizia è però accurata. A fine ciclo trovo il cassetto dello sporco pieno di polvere, peli e capelli. Per avere una prova concreta ho camminato scalzo per casa e controllata la pianta del piede non ho notato sporco. Quindi pulisce bene.

Il Dibea D500-A Plus ha come pro la capacità di pulizia, la confezione ricca di accessori di riserva (spazzole, filtri, panno). Il prezzo di appena 189,99 € su Amazon, che diventano 169,99 € con i 20 € di coupon che trovate in questa pagina, lo rendono molto competitivo. Costa poco e pulisce bene. Inoltre passa anche la pezza.

Di contro manca il supporto di un’app e l’aggiornamento del firmware. Quindi il dispositivo è ideale per chi ha bisogno di un robot lavapavimenti ma ha un budget basso. Ideale anche per quelle persone che non masticano molto la tecnologia, quindi non hanno bisogno di un dispositivo connesso al WiFi o a un’app. Diventa un’idea regalo perfetta per genitori, zii o amici poco avvezzi alla tecnologia.

Potrete attivarlo prima di uscire di casa e tornare dopo qualche ora e trovare il pavimento pulito. Oppure impostare un orario per attivarlo per esempio 3 ore prima di tornare dal lavoro, in modo che una volta a casa non dovrete perdere tempo a spazzare il pavimento.

Classificazione: 4 su 5.

Leave a comment

Cosa ne pensi?