I sistemi operativi di Apple sono tra i più adatti alle persone con handicap. La società di Cupertino ha sviluppato tecnologie in grado di aiutare le persone con dei deficit al fine di consentire loro di usare le tecnologie software dei dispositivi.

A tal proposito la società ha ufficializzato le soluzioni che aggiungerà quest’anno, andando ad arricchire tutto lo sforzo effettuato fino a oggi. Il primo si chiama SignTime ed è la possibilità di chiedere un dipendente di Apple in grado di parlare il linguaggio dei segni quando bisogna chiedere assistenza in un Apple Store. Al momento sono abilitati solo alcuni punti vendita negli Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia.

Un’altra soluzione è l’AssistiveTouch per Apple Watch. Il funzionamento è quasi magico. Chiudendo e aprendo la mano due volte si attiva il cursore gestibile con il giroscopio e accelerometro. Quindi basta muovere il polso per spostare l’indicatore sullo schermo. Il tap si effettua avvicinando pollice e indice in segno di OK. Utile per chi non può usare entrambe le mani. La stessa funzione può essere usata per accettare o rifiutare una telefonata.

Negli iPad viene aggiunto il supporto al tracciamento degli occhi. Migliora inoltre il sistema VoiceOver per i ciechi. Il machine learning Image Descriptions consente di conoscere il contenuto dello schermo mediante il riconoscimento automatico, quali contenuti testuali, persone, tabelle e così via.

Grazie all’estensione della certificazione MFi ora c’è un aumento di compatibilità con i dispositivi per chi ha difficoltà uditive. iOS consente anche di importare i risultati dei test uditivi per modificare i parametri di alcuni elementi audio e aggiustare le frequenze.

La società intende anche integrare dei suoni di sottofondo per migliorare la concentrazione e aiutare a calmarsi. Suoni come il rumore bianco, il rumore nero, le onde dell’oceano, la pioggia e così via.

Ci sono anche altre novità che potremmo definire minori, come dei suoni differenti e più udibili, gli shortcut per l’accessibilità, nuove memoji rappresentative e contenuti dedicati nel servizio Apple Fitness+.

Leave a comment

Cosa ne pensi?