È giunto di recente nelle case dei primi acquirenti. L’iMac 2021, con schermo da 24” e SoC M1, è il computer desktop colorato presentato da Apple quest’anno e si appresta a diventare un must have grazie al design super sottile, le prestazioni e i colori.

iFixIt ne ha comprato un’unità per comprendere quanto sia semplice o difficile ripararlo. Ai raggi X mostra tutto il contenuto. Il computer è in pratica inserito nella cornice bassa e tutto il resto è display. È una sorta di MacBook Pro con schermo grande. Interessante vedere anche l’antenna inserita in direzione del logo sul retro.

Una cosa interessante che hanno scoperto è la cura dei dettagli. Alcuni componenti, come l’interno delle porte USB-C, sono dello stesso colore del case esterno. Apple non ha lasciato nulla al caso, curando materiali ed elementi attentamente.

Gli speaker, sottili appena 1,5 mm, utilizzano una camera interna per amplificare il volume usando l’aria. Due ventole consentono di rinfrescare l’hardware, anche se sostanzialmente il calore prodotto è quello di un MacBook Air.

Ottima la scelta di portare parte dell’hardware all’esterno, come la porta Ethernet integrata nel caricabatterie. Questi produce 143 watt di corrente, anche se in realtà al computer ne servono appena 60 watt. La potenza in eccesso serve nel caso si volessero attaccare accessori alle porte USB-C.

Il giudizio finale non è positivo. L’indice di riparabilità è di appena 2 su 10. Le ventole, le porte USB-C, il jack per le cuffie, il bottone di accensione, gli speaker e la webcam teoricamente si possono riparare presso un centro specializzato. Tutto il resto no.

La maggior parte dell’hardware è saldato sulla scheda logica e c’è uso di adesivo.

Trovate l’iMac su Amazon a partire da 1.499 €.

Unisciti alla conversazione

2 Comments

Leave a comment

Cosa ne pensi?