Era un aggiornamento molto atteso quello di iPadOS 15, sopratutto perché la società di Cupertino ha lanciato gli iPad Pro con processore M1. Dopo aver visto le novità di iOS 15, di cui molte le ritroviamo in iPadOS 15, vediamo cosa ci riserva il nuovo sistema operativo per tablet.

Widget e App Library

Qualcuno ha dichiarato che iPadOS 15 recupererà la distanza con iOS 14 solo quest’anno. In effetti queste due novità le abbiamo viste lo scorso anno negli iPhone e solo quest’anno negli iPad.

Mi riferisco ai Widget da posizionare in qualsiasi punto delle pagine e la gestione delle stesse mediante l’App Library. Quest’ultima consente di spostare velocemente le pagine di app e averne una, gestita dal machine learning, dove avere le app più usate divise per categoria.

Multitasking

Il multitasking in iPadOS 15
Il multitasking in iPadOS 15

Il multitasking è sempre l’anello debole per gli iPad, perché non arrivano al livello dei Mac. Probabilmente Apple tiene distinte le due esperienze di utilizzo di proposito, per evitare di ridurre la vendita dei Mac.

Quest’anno il multitasking migliora, anche se le migliorie non lo rendono simile a un Mac. Nello specifico viene introdotto:

  • Split View: nella scelta delle app da usare con Split View la schermata passa tutta a destra per avere più spazio di accesso alle pagine delle app
  • Slide Over: l’anteprima per alcune app ha una finestra più grande della classica colonna verticale
  • Shelf: delle anteprime di app in basso allo schermo per passare velocemente tra di loro
  • La Split View si può mantenere nella visione delle finestre aperte in background, per poter lavorare su più Split View combinando diverse app

La società ha inoltre pensato a nuove scorciatoie di tastiera.

Quick Note

L’app Note permette di usare una sorta di mini block notes da richiamare in qualsiasi momento in qualsiasi app per prendere note al volo.

Queste come in iOS 15 consentono di gestire i tag per categorizzarle velocemente.

Universal Control

Apple ha migliorato la funzione SideCar dello scorso anno. Quella che consente di usare un iPad come schermo esterno del Mac. Ora l’associazione tra i due dispositivi è automatica, basta trascinare il puntatore del mouse verso la finestra dell’iPad per vederlo apparire lì. Inoltre si può usare la tastiera del Mac per scrivere nell’iPad.

L’interazione può riguardare più dispositivi. Per esempio se si possiede un iMac, un MacBook e un iPad, basta avvicinare tutti i dispositivi per usare tutti e tre gli schermi con una sola periferica.

Altro

Come per iOS 15 abbiamo FaceTime migliorato e SharePlay per condividere contenuti con altri utenti in videochiamata, come l’ascolto della musica sincronizzata, la visione di film o la condivisione dello schermo. Tecnologia che sarà disponibile in app di terzi mediante le API dedicate.

Safari per iPadOS 15
Safari per iPadOS 15

Abbiamo anche il nuovo Safari ridisegnato con la gestione dei Gruppi di Tab, gli strumenti di Focus per avere il “Non Disturbare” personalizzato in base ai contesti, la nuova gestione delle notifiche con il Sommario, la gestione intelligente delle foto e la rilevazione dei testi nelle immagini.

iPadOS 15 ora ha anche l’app Translate per effettuare le traduzioni. Ora rileva la lingua direttamente.

SWIFT Playground diventa più completo e insegna a creare app da zero, con tanto di possibilità di caricare i propri Playground nell’App Store.

iPadOS 15 prende tutte le altre funzioni di iOS 15 come le mappe arricchite, le Memorie nelle foto, il Shared With You per ritrovare gli elementi condivisi con noi, i nuovi strumenti per la Privacy, Siri in grado di gestire le richieste direttamente nel dispositivo, il supporto per iCloud+ e i nuovi strumenti di accessibilità.

Disponibilità e compatibilità

iPadOS 15 sarà disponibile per gli sviluppatori da oggi, per le beta pubbliche da luglio e per tutti dal prossimo autunno.

La compatibilità è assicurata con gli iPad mini 4 e superiori, iPad Air 2 e superiori, iPad 5 e superiori e tutti gli iPad Pro.

Leave a comment

Cosa ne pensi?