iPhone 13 Pro
iPhone 13 Pro

A quanto pare quest’anno Apple ha preferito andare di continuità e presentare i nuovi iPhone 13 che sono molto simili al modello 12. In realtà due gli elementi di design distintivi: le fotocamere sul retro posizionate in maniera obliqua e il notch ora più piccolo del 20%.

Ma vediamo le novità di quest’anno per i quattro modelli presentati: iPhone 13 mini, iPhone 13, iPhone 13 Pro e iPhone 13 Pro Max.

iPhone 13 mini

Il design resta quasi immutato, ma c’è una piccola novità. Rispetto al modello precedente è più spesso di 0,25 mm e il peso di conseguenza aumenta di 7 grammi. Questo per avere una batteria più grande in grado di garantire 1,5 ore in più di autonomia (fino a 17 ore di riproduzione video contro i precedenti 15).

Lo schermo resta da 5,4”, ma grazie al nuovo processore A15 Bionic (6 core CPU + 4 core GPU + 16 core Neural Engine), ora la fotocamera permette di usare la Modalità Cinema. Questa è una novità di quest’anno e in pratica consente di ottenere l’effetto Bokeh anche nei video, con la possibilità di cambiare focus sul soggetto mentre si registra.

Altra novità sono gli Stili fotografici: una serie di preset di luci applicabili alle foto mediante il machine learning. Le altre caratteristiche restano le stesse del modello precedente: schermo con Ceramic Shield, resistente fino a 6 metri sott’acqua, supporto a MagSafe, WiFi 6, Bluetooth 5 e chip 5G.

Disponibile in colore galassia, mezzanotte, blu, rosa e rosso, vede i seguenti prezzi:

Il taglio da 64 GB è finalmente sparito. Per tutti e quattro i modelli c’è il supporto di due eSIM.

iPhone 13

L’evoluzione dell’iPhone 13 segue quella dell’iPhone 13 mini: lo spessore aumenta di 0,25 mm e il peso di 9 grammi. Questo per una batteria in grado di fornire 2,5 ore in più di autonomia. Ora si arriva a 19 ore di riproduzione video invece di 17 ore.

Schermo da 6,1” immutato rispetto alla generazione precedente. Fotocamera immutata: sul retro un grandangolo con focale 1.6 e un ultra-grandangolo con 2.4, mentre sulla parte anteriore una fotocamera da 12 megapixel con focale 2.2.

Rispetto alla generazione precedente, grazie al chip A15 Bionic, supporta gli Stili fotografici e la registrazione con Modalità Cinema per colori migliorati nelle foto ed effetto Bokeh nei video.

Di serie il WiFi 6, Bluetooth 5 e il chip 5G. Disponibile in colore galassia, mezzanotte, blu, rosa e rosso, vede i seguenti prezzi:

Anche in questo caso sparisce il taglio da 64 GB.

iPhone 13 Pro

Ci si aspettava che il sensore LiDAR sul retro dei Pro arrivasse anche sul resto della linea, invece questo sensore radar resta solo per i top di gamma. Come per gli altri due modelli, anche per il 13 Pro assistiamo a un notch più piccolo, ma le fotocamere restano al loro posto anche se il comparto diventa più ampio.

Anche in questo caso lo spessore aumenta di 0,25 mm e il peso di 6 grammi. Questo per fare spazio a una batteria che consente 1,5 ore di autonomia in più (22 ore di riproduzione video contro le precedenti 17 ore).

Schermo da 6,1” immutato rispetto al precedente, ma questa volta troviamo il supporto della tecnologia ProMotion fino a 120 Hz come negli iPad Pro.

Il processore A15 Bionic, che guadagna 1 core in più sulla GPU (prima 4 core ora 5 core), consente l’uso delle nuove funzioni di Modalità Cinema per registrare con l’effetto Bokeh e gli Stili fotografici per le foto. Abbiamo anche un nuovo chip per registrare in ProRes in 4K fino a 30 fps (da notare che con il taglio da 128 GB il ProRes è bloccato a full HD).

Il comparto fotografico è forse la parte che migliora di più in questa nuova generazione. Tutti e tre i sensori sono da 12 megapixel, ma la focale passa da 2.0 a 2.8 per il teleobiettivo, 1.6 a 1.5 per il grandangolo e 2.4 a 1.8 per l’ultra-grandangolo. Questo consente di catturare il 92% di luce in più. La fotocamera frontale non cambia. Le foto al buio migliorano di 2,2 volte.

Ora però quelle sul retro consentono uno zoom ottico 6x, mentre prima era 4x. Questo è utile anche per scattare foto in macro e prima non era possibile. Vediamo anche il supporto per lo Smart HDR 4 per le foto, mentre prima era Smart HDR 3. La porta resta Lightning.

Disponibile in argento, grafite, oro e azzurro sierra, vediamo i prezzi italiani:

iPhone 13 Pro Max

L’iPhone 13 Pro Max segue un po’ l’evoluzione del 13 Pro. Se lo scorso anno la differenza tra i due era nel comparto fotografico, quest’anno invece le differenze sono solo nelle dimensioni.

Ora è spesso 0,25 mm in più e pesa 12 grammi in più per consentire una batteria più grande. Questo consente 2,5 ore di autonomia in più. Si arriva a ben 28 ore di riproduzione video contro le precedenti 20 ore.

Display OLED da 6,7” con tecnologia ProMotion fino a 120 Hz, chip A15 Bionic con 1 core in più per la GPU come il 13 Pro e alcune migliorie nel comparto fotografico.

Le fotocamere posteriori sono da 12 megapixel ma il teleobiettivo passa da 2.2 di focale a 2.8, il grandangolo da 1.6 a 1.5 e l’ultra-grandangolo da 2.4 a 1.8. Lo zoom ottico passa da 5x a 6x. La fotocamera frontale resta immutata a 12 megapixel e focale 2.2. Le foto al buio migliorano di 2,2 volte.

Come in tutti gli altri modelli abbiamo il supporto alla Modalità Cinema per registrazione con effetto Bokeh, gli Stili fotografici per le foto e supporto alla registrazione ProRes in 4K a 30 fps e Smart HDR 4 per le foto.

Tutto il resto è uguale al precedente. I colori sono: argento, grafite, oro e azzurro sierra. I prezzi italiani invece:

I preordini per tutti i modelli partono dal 17/09, mentre le vendite iniziano il 24/09.

Leave a comment

Cosa ne pensi?