SoC M2 Pro
Il SoC M2 Pro

Apple ha rivoluzionato il settore informatico con i suoi nuovi chip Apple Silicon M1 e M2. Questi processori offrono prestazioni eccezionali ed efficienza senza precedenti, rendendo i Mac più veloci ed efficienti. Questa maggiore potenza renderà possibile una diminuzione dei prezzi dei Mac, perché con l’M1 e l’M2 sarà possibile ottenere le stesse prestazioni che un tempo si ottenevano solo con una macchina di fascia alta.

Prima di presentare i SoC M1, i primi chip Apple Silicon, si dice che gli stessi ingegneri di Apple controllarono i dati più volte pensando a un errore. I nuovi processori avevano prestazioni triple rispetto a quelli Intel usati fino a quel momento.

Una potenza che non si è arrestata. Negli ultimi anni, passando al SoC M2 e ai recenti M2 Pro e Max, i risultati si sono incrementati ancora di più.cfa

In base ai dati di benchmark circolati in queste ore, si evince un ulteriore incremento. Nello specifico:

M1 M2 M2 Pro
Single core 1651 1951 1952
Multi core 5181 9003 15013
Le prestazioni dei recenti processori Apple Silicon

Questo significa che passando dal M2 partendo da un M1 si arriva al +73% di prestazioni, che salgono a +189%. Una potenza che cresce anno dopo anno e che crescerà ancora di più il prossimo, con l’introduzione dei chip a 3 nm sulla quale TSMC sta già lavorando.

Serve tutta questa potenza?

Apple ha rivoluzionato il settore informatico con i suoi nuovi chip Apple Silicon M1 e M2. L’M1 è il primo del suo genere e porta con sé un livello di prestazioni ed efficienza senza precedenti. È in grado di alimentare sia i Mac che gli iPad ed è il chip più potente mai utilizzato in un dispositivo Apple. Ma abbiamo davvero bisogno di tutta questa potenza di calcolo nei nostri Mac?

Nel mondo di oggi, i Mac vengono utilizzati per una serie di attività, dal gioco all’editing multimediale alle videoconferenze. Con i nuovi chip Apple Silicon M1 e M2, queste attività possono essere svolte in modo più rapido ed efficiente che mai. L’M1 è in grado di gestire con facilità attività pesanti come la progettazione grafica e l’editing video, mentre l’M2 è per lavorare con i video in 8K. Ciò significa che gli utenti Mac possono godere di un’esperienza informatica molto più potente.

I chip Apple Silicon M1 e M2 offrono anche un’ottima durata della batteria e funzioni di sicurezza migliorate. Il chip M1 è in grado di funzionare fino a 15 ore con una singola carica, mentre il chip M2 può arrivare a 18 ore. Entrambi i chip sono inoltre dotati della tecnologia Secure Enclave di Apple, che aiuta a proteggere i dati da software dannosi. Questa maggiore sicurezza è un’ottima caratteristica per gli utenti Mac che desiderano mantenere i propri dati al sicuro.

Oltre alle prestazioni e alla sicurezza, i chip Apple Silicon M1 e M2 offrono anche un’ottima connettività. Entrambi i chip sono in grado di connettersi a Internet tramite Wi-Fi e Bluetooth e di collegarsi a display esterni. In questo modo è più facile che mai rimanere connessi al lavoro o all’intrattenimento mentre si è in viaggio.

Cosa accadrà nei prossimi anni

Si dice che Apple stia già lavorando al chip M3 da integrare nei MacBook Air quest’anno. Dovrebbe essere il primo con architettura a 3 nm. Questo significa che nello stesso spazio del SoC, attualmente a 5 nm, entreranno più transistor, quindi è previsto un ulteriore passo in avanti.

Non so voi, ma tutta questa potenza la trovo anche eccessiva. Non che non serva, ma non per le mie attività quotidiane. Tanto per intenderci attualmente sto utilizzando un iPad Pro del 2018 senza problemi, rallentamenti o impedimenti.

Probabilmente per me, e forse per la grande maggioranza delle persone, un Mac con chip M1 è più che sufficiente.

Se Apple continuerà a sfornare nuovi Mac ogni anno con processori potenti quasi il doppio di quelli precedenti, basterà semplicemente acquistare un paio di generazioni precedenti.

Questo significa che non serve spendere moltissimo per le versioni più recenti. Tanto per fare un esempio, il MacBook Air M1 si trova nelle grandi catene per 900 € e va benissimo, non serve spenderne 1.529 € per un modello recente. Stesa cosa capiterà a tutti gli altri, dai Mac mini agli iMac.

In conclusione

I processori Apple Silicon M1 e M2 sono un prodotto rivoluzionario che portano un enorme balzo in termini di prestazioni di elaborazione ed efficienza energetica per Mac.

Apple continuerà a sviluppare nuovi processori che aiuteranno a trasformare la gamma dei Mac in uno strumento informatico ancora più potente e leggero, consentendo anche di risparmiare sull’acquisto di versioni più recenti.

Unisciti alla conversazione

6 Commenti

  1. Dove l’hai letta Kiro che gli ingegneri Apple controllavano i dati più volte sui soc Apple Silicon? Perché la stessa cosa l’ho letta al lancio di Windows 10 degli ingegneri Microsoft sull’autonomia dei portatili ARM.. ma non ho trovato nulla riguardo ad Apple.. non mi dire che te la sei inventata..

      1. Per la versione di Windows si trova facile..”Svolta per notebook e tablet: con Windows 10 on ARM l’autonomia è mostruosa” .. per la versione Apple non si trova niente

  2. Questa cosa che dici del prezzo funziona solo se Apple mantiene la produzione di quelli vecchi.. se Apple li toglie dal mercato allora niente sconti..

Lascia un commento

Cosa ne pensi?