Altre grane per i MacBook Pro. Dopo i difetti indicati nelle scorse settimane e le possibili soluzioni per eliminare il problema del ronzio eccessivo, ora si scopre che una partita difettosa di MacIntel portatili è munita di batteria guasta.

Tra i sintomi registrati c’è la perdita improvvisa dell’autonomia e la segnalazione confusa del led incaricato a mostrare la carica. Le unità interessate, però, che arrivano fino al numero di serie W8607, si riferiscono alle prime due settimane di produzione, quindi ai modelli venduti negli Stati Uniti.

L’assistenza statunitense invierà una batteria nuova per ogni cliente che abbia riscontrato il problema.

Questa settimana sono state mostrate anche le foto che rivelano il reale motivo che spinge il MacBook Pro a surriscaldarsi. Per un eccesso di zelo, la pasta termica posizionata sui chip è in abbondanza, il che non solo isola, ma impedisce la dispersione di calore. Alcuni utenti hanno mostrato come è possibile eliminarla e riposizionarla di nuovo, ma quest’operazione invalida la garanzia di Apple perchè bisogna smontare parte del computer.

Dal lato MacBook, senza il Pro, cioè il modello che prenderà il posto degli iBook, Think Secret è sicura che verrà presentato in questo mese per dare vigore al trimestre fiscale in corso.

Se ciò avvenisse, si raccomanda di non correre agli acquisti. Anche io sono impaziente di avere il nuovo gioiellino ma è meglio non fare da beta tester per Apple, come è successo con i MacBook Pro, dopo aver speso considerevoli somme di denaro.

Per altre notizie restate collegati, prima o poi arriverà 😉

Leave a comment

Cosa ne pensi?