Apple ce la fa: niente dazi cinesi dal governo Trump

Gli americani possono tirare un sospiro di sollievo. Non vivranno la brutta sensazione di vedere gli iPhone aumentare di prezzo, come accade ormai da tempo in Italia. I loro prodotti preferiti sono al sicuro.

L’amministrazione Trump ha infatti attivato una serie di dazi sui prodotti cinesi che costerà 200 miliardi di $. Questo significa che i prezzi su alcune categorie di prodotti aumenteranno dl 10% dalla prossima settimana e del 25% dal primo gennaio 2019.

In un primo momento i prodotti Apple erano nel calderone, tant’è vero che Trump rispose ad Apple di produrre gli iPhone negli Stati Uniti se proprio volevano evitare i dazi. Oggi si legge, invece, che alcuni prodotti elettronici e gli orologi sono fuori dall’elenco dei beni colpiti.

La guerra tra la Cina e gli Stati Uniti andrà avanti. Attualmente sono stati applicati 517 miliardi di dollari in dazi sui prodotti cinesi. La Cina ha ovviamente reso il favore tassando dei prodotti americani importati nella nazione.

Tim Cook è riuscito a far cambiare idea al governo, grazie anche al piano di investimenti da 350 miliardi di $ in 5 anni. Chissà come sarebbero insorti gli americani sapendo che l’iPhone sarebbe costato del 25% in più.

Cosa ne pensi?