Apple voleva iMessage al posto degli SMS per tutti

iMessage

iMessage è di sicuro un enorme vantaggio per gli utenti iOS. Un po’ come faceva il sistema di messaggistica dell’epoca nei BlackBerry, che ne decretò l’enorme successo, iMessage consente di scambiare messaggi gratuitamente e in maniera cifrata.

Di certo non una novità considerando che esistono alternative multipiattaforma come WhatsApp e Telegram. Sta di fatto che la comodità di usare iMessage risiede nel suo funzionamento di base. Non bisogna usare un’app di messaggistica di base, ma è integrato nei messaggi.

Questo significa che sarà iMessage a comprendere se il destinatario può ricevere i messaggi gratuitamente, altrimenti si sposterà automaticamente verso gli SMS. Ci fu un periodo, però, in cui Apple tentò di convincere gli operatori ad usare iMessage di base.

L’obiettivo di Apple, dichiara Scott Forstall, era quello di avere iMessage al posto degli SMS, per evitare di far pagare l’utente. Gli operatori avrebbero dovuto integrare il protocollo nei loro sistemi.

Questo, oltre a creare un carico di lavoro aggiuntivo per gli operatori, starebbe stato deleterio per la vendita degli SMS. Per questo motivo la società non riuscì nel suo intento.

Cosa ne pensi?