Apple voleva comprare Leap Motion, ma l’azienda ha detto no per antipatia

Leap Motion Controller

Vi ricordate del dispositivo Leap Motion? Si tratta di un piccolo sensore da posizionare nei pressi del computer. Collegandolo al Mac, usando un apposito software, si possono muovere le mani a qualche centimetro sopra la sua superficie, per ottenere una risposta sullo schermo. Una sorta di sensore delle gesture in aria. Trovate la mia recensione di questo dispositivo qui.

Ebbene, come riporta BusinessInsider, Apple era interessata a questa interazione con i dispositivi, tanto da decidere di acquistarla. Le indiscrezioni riportano che l’offerta era tra 30 e 50 milioni di dollari per una parte di azienda, portando la valutazione totale a 306 milioni di $.

L’accordo stava prendendo forma, ma a pochi giorni della firma saltò tutto. Il motivo? Ai fondatori Michael Bickwald e David Holz Apple stava praticamente sui maroni. Nonostante questo la società provò ad acquistarla per una seconda volta, ma senza successo.

L’acquisto da parte di Apple avrebbe portato una certa stabilità finanziaria nei conti di Leap Motion. I dipendenti, infatti, spingevano verso l’acquisizione. Alcune persone presenti all’incontro dichiarano che Holz fu offensivo. Dichiarò che Apple non innovava più (era il 2013) e che i suoi prodotti facevano schifo, spingendo verso i virtuosismi di Android.

In pratica i due co-fondatori misero le loro preferenze personali, nella diatriba tra iOS e Android, a discapito della crescita della loro azienda. Al momento Leap Motion continua a vedere sensori per 70 € ciascuno, finanziata da alcune venture capital.

Cosa ne pensi?