La recensione dell’iPad Pro visto dai media

iPad Pro 2018

C’è grande interesse per gli iPad Pro. I nuovi tablet di Apple senza tasto Home, ma con Face ID, sulla carta sono più potenti di un MacBook Pro. Quindi questo come si traduce in termini di utilizzo?

Apple ha dato il via libera ai blogger invitati all’evento per il lancio. Un lasciapassare che permette loro di pubblicare le recensioni realizzate dopo una settimana di utilizzo.

Engadget sottolinea l’importanza dell’integrazione della porta USB-C. Questo consente di collegare numerosi accessori prima difficili da collegare, per esempio un microfono esterno o un hub. Chris Velazco ha provato anche a scrivere qualche articolo direttamente dal tablet, trovando qualche difficoltà. Questo perchè l’app di pubblicazione di Engadget non è perfettamente ottimizzata.

The Verge sottolinea la sua potenza, anche se ha notato che la porta USB-C non supporta memorie esterne (come una pendrive). Nella volontà di usare un iPad Pro come un computer, Nilay Patel ha sottolineato che iOS è troppo limitato per convincere realmente al passaggio definitivo. Buono per i lavori di grafica, ma meno buono per altri lavori.

Mashable gli ha dato 4,5 stelle su 5. Ottimo il design, l’autonomia e le performance. Meno buono la scomparsa del jack per le cuffie e il prezzo. Apple dovrebbe migliorare ulteriormente il multitasking di iOS scrive Raymond Wong. Speriamo di vedere qualcosa al prossimo WWDC.

Wired dichiara che si tratta del miglior tablet in circolazione. Potente quanto un PC, ottima la nuova Apple Pencil. Anche in questo caso Jeffrey Van Camp dichiara che l’iPad come sostituto del computer non sta ne in cielo e ne in terra.

In pratica l’iPad Pro offre il massimo della potenza nel settore dei tablet. È sicuramente l’eccellenza al momento e fa mangiare la polvere a molti portatili in circolazione. Per alcune operazioni veloci e quando ci sono app ottimizzate, può sostituire un computer. Per tutte le altre cose non può farlo. Ideale se state cercando il miglior tablet in commercio.

Cosa ne pensi?