Una società promette di sbloccare gli iPhone per 3.900 $

GrayKey codice iPhone

Mi viene in mente la storia di Leonardo Fabbretti, quel signore che perse il figlio di 13 anni per una malattia. Il signor Fabbretti scrisse a Tim Cook per chiedere una mano per sbloccare l’iPhone del figlio morto e recuperare, così, i dati in esso contenuti.

Al di là se sia giusto o meno appropriarsi della privacy di una persona deceduta, Tim Cook ovviamente non potè aiutarlo. L’iPhone cifra tutti i dati mediante il Secure Enclave. È impossibile recuperare il contenuto senza il codice di sblocco.

Ma c’è chi dichiara di poterlo fare. Dopo il caso di GrayKey, che è stato risolto mediante la disabilitazione della porta Lightning quando non si inserisce il codice utente, ora arriva il caso DriveSavers.

Questa società afferma di poter sbloccare qualsiasi iPhone inviato ai suoi laboratori pagando 3.900 $. La tariffa è stata calcolata per evitare che vengano sbloccati iPhone rubati, in quanto la somma è molto superiore al prezzo di acquisto di un’unità completamente nuova.

Fino a qualche tempo fa, dichiara la società, solo gli enti governativi e le aziende potevano fare richiesta per il servizio. Ora possono farlo tutti.

Al momento non conosciamo i metodi usati per lo sblocco e ne, tantomeno, se questo blocco sia reale o solo una trovata pubblicitaria per far parlare di se. Di certo Apple indagherà per cercare possibili falle nella sicurezza di iOS.

Cosa ne pensi?