Le mie impressioni sull’Echo Plus di Amazon

Echo Plus

Lo scorso mese pubblicai la mia recensione dell’Amazon Echo. Questo speaker intelligente sta conquistando l’Italia. Il suo prezzo competitivo e la possibilità di installare Skill, per non parlare del supporto della domotica, sta favorendo la sua diffusione, confermando la leadership di Amazon nel settore degli speaker intelligenti.

A tal proposito oggi voglio parlarvi del fratello maggiore dell’Echo: vi parlerò dell’Echo Plus. Cosa lo differenzia dall’altro modello? Vale i 50 € in più?

La confezione è pressoché identica a quella dell’Echo. Anche il contenuto della scatola è identica. Quello che cambia è lo speaker. A prima vista, infatti, le dimensioni sono leggermente diverse. Se l’Echo misura 148 x 88 x 88 mm e pesa 821 grammi, l’Echo Plus misura 148 x 99 x 99 mm e pesa 780 grammi. Quindi abbiamo un dispositivo leggermente più grande ma nello stesso tempo più leggero.

A differenza dell’Echo, però, nel Plus non possiamo cambiare la cover esterna. Questa è fissa. Probabilmente questa scelta è stata pensata per recuperare più spazio possibile e per non creare spazi in cui l’audio potesse subire delle distorsioni.

La seconda differenza è infatti nel comparto audio. L’Echo ha un woofer da 63 mm e un tweeter da 16 mm. Il Plus invece vede un woofer da 76 mm e un tweeter da 20 mm. In pratica ha un hardware audio più generoso, per garantire una differenza qualitativa.

La differenza tra i due potrebbe sfuggire per chi non ha un orecchio allenato. In realtà facendo un confronto, come quello che vi propongo nel video dell’articolo, la differenza si nota. Con il brano No Church In The Wild di Jay-Z e Kanye West, dove si pompano molto i bassi, il modello Plus dà il meglio di se. In un ambiente grande, come un salotto, si può godere di una qualità audio superiore.

Non siamo ancora ai livelli dei Sonos o dell’HomePod, ma per la fascia di prezzo in cui è collocato, l’Echo Plus dà qualche soddisfazione in più rispetto all’Echo.

Sempre a proposito di audio, bisogna sottolineare che sul retro, nell’area delle porte di ingresso, abbiamo un ingresso jack che funziona sia per l’audio in uscita che per quello in entrata. Nell’Echo, invece, l’audio è solo in uscita. Sulla parte inferiore, inoltre, nel Plus abbiamo un attacco a vite che manca nell’altro modello. Questo facilita l’installazione su stand da applicare al muro.

Echo Plus vs Echo

Nell’Echo Plus trova spazio anche un sensore di temperatura. Questo consente di conoscere la temperatura della stanza. Basta chiedere ad Alexa la temperatura della stanza in cui è stato installato l’Echo per sapere quanti gradi ci sono.

L’altro aspetto importante integrato nell’Echo Plus, e assente nell’Echo, è il supporto nativo alla piattaforma Zigbee per la domotica. Questo significa che l’Echo Plus funziona anche da hub per collegare accessori privi di bridge integrato. Se comprate una lampadina per la domotica per l’Echo assicuratevi che integri il bridge Zigbee. Con il Plus, invece, l’accessorio potrebbe anche non avere il bridge.

L’ultima differenza è nella connettività. Mentre l’Echo supporta le reti WiFi 802.11n in 2,4 GHz, il modello Plus arriva alle reti con protocollo 802.11ac (che hanno un’area di copertura maggiore) e funziona anche con il 5 GHz.

Le altre caratteristiche sono uguali all’Echo. Il Plus ha 7 microfoni per ascoltare da qualsiasi direzione, un anello LED in cima per avere un feedback visivo quando si interagisce con Alexa, una pulsantiera fisica per disattivare il dispositivo o attivarlo manualmente.

Fate attenzione per quanto riguarda l’alimentazione. Anche questo modello non ha una batteria integrata, ma oltre a questo l’attacco del caricabatterie cambia rispetto a quello dell’Echo. In pratica non potrà essere usato lo stesso caricabatterie per entrambi i modelli.

L’Echo Plus, come tutti gli altri modelli, si gestisce mediante l’app Alexa. Questa consente di autenticare il dispositivo, collegarlo al proprio account e gestire le Skill. L’aggiornamento del firmware, invece, avviene automaticamente. Ci penserà Amazon mediante la connessione WiFi a mandare le nuove versioni allo speaker.

L’Echo Plus in standby consuma 2,4 watt. Durante l’utilizzo, per esempio durante l’ascolto di un brano, i consumi arrivano a 3,65 watt. Molto meno di una lampadina al LED. In pratica se lo utilizzate per 3 ore al giorno andrete a spendere 72 centesimi di euro all’anno di energia elettrica.

Trovate l’Echo Plus ovviamente su Amazon. Il dispositivo costa 149,99 euro.

Cosa ne pensi?