La recensione dell’iPhone 11 visto dai media

iPhone 11 foto di Wired.com
iPhone 11 foto di Wired.com

Domani inizieranno ufficialmente le vendite dei nuovi iPhone 11, 11 Pro e 11 Max. Alcuni lo compreranno, altri sono indecisi su quale modello prendere e altri semplicemente vorrebbero saperne di più. Per questi ultimi arrivano le recensioni dei media ai quali Apple ha prestato i nuovi iPhone per una settimana.

Si tratta di test non molto approfonditi, quindi, ma che aiutano a farsi un’idea generale. Per i test approfonditi ci sarà sicuramente modo di leggerne e vedere di più quando inizieranno le vendite. Intanto vediamo cosa dice la stampa di settore.

The Verge pone l’accento sulla fotocamera e la batteria. Quest’ultima fornisce tutta l’autonomia necessaria durante la giornata, anche se il sito ha bocciato la scelta di inserire il caricabatterie da 5w nella confezione dell’11, contro quello da 18w inserita nell’11 Pro e 11 Pro Max.

Le foto al buio sono molto più luminose di prima, anche se rispetto al Pixel 3 si nota un rumore di fondo più accentuato. La gestione delle fonti luminose, come lampioni e fari, è migliore nell’iPhone, con l’eliminazione dell’effetto alone. La gestione della modalità Ritratto è migliorata sensibilmente, con dettagli più accentuati e colore della pelle migliore.

Anche Wired effettuando delle prove ha rilevato una migliore resa delle foto con la modalità Ritratto, con una qualità superiore anche al Pixel 3. Per quanto riguarda l’autonomia della batteria la prova ha visto l’uso dalle 12 di sabato, fino alla sera di domenica. Attivando solo verso la fine della serata la modalità di risparmio energetico. Con un uso intenso, quindi, il dispositivo ha garantito circa un giorno e mezzo di autonomia.

CNET ha notato che la modalità Notte funzioni molto meglio con l’11 Pro rispetto all’11, per via della terza fotocamera. Ha bocciato il fatto che Apple non ha integrato le porte USB-C, rimandando alle Lightning. Il voto generale è stato 9, con un 10 pieno sulle performance. Bocciata anche la scelta di usare il taglio da 64 GB per convincere gli utenti a prendere quello intermedio da 256 GB.

BuzzFeed ha invece sottolineato le capacità di registrazione dei video in qualità 4K, il che funziona sia con le fotocamere anteriori che con quelle posteriori. Il risultato è molto apprezzabile, anche con l’effetto slow motion. Personalmente, invece, ho notato che dalle loro prove dell’effetto slofie, vale a dire lo slow motion dei selfie, in realtà non c’è tutto questo effetto WOW come ci si aspetterebbe.

L’audio dello speaker sembra più alto. L’effetto 3D descritto da Apple, però, forse è un po’ superfluo, considerando che raramente l’iPhone viene usato intensamente per vedere film e telefilm. Il sito consiglia l’upgrade a chi ha un iPhone X e inferiori. Per chi ha un iPhone XS l’upgrade è interessante per la fotocamera, ma oltre a questo elemento pare che non ci siano altri elementi di supporto, se lasciamo da parte anche il discorso batteria.

John Paczkowski / BuzzFeed News
John Paczkowski / BuzzFeed News

Techcrunch nota la mancanza del 3D Touch. Nonostante Apple abbia deciso di eliminare il sistema, a favore del feedback aptico, alcune scorciatoie erano ancora molto usate. Il sito ha anche effettuato una comparazione di registrazione video tra un iPhone XS e un iPhone 11 Pro.

Techcrunch ha saputo trarre il meglio anche dalla funzione Night Mode, ponendo degli esempi interessanti con il filtro acceso e spento. Il risultato è evidentemente migliore.

Anche Mashable ha sottolineato i pro e i contro rilevati dagli altri siti. Manca però l’analisi dei punti essenziali, come l’uso nel quotidiano delle novità, per verificare come cambia l’interazione con il dispositivo. In linea generale sembra che tutti i siti si siano focalizzati su fotocamera e batteria, lasciando da parte le considerazioni generali sulla loro esperienza.

Probabilmente tutti si sono concentrati sull’approccio dell’analisi dei componenti importanti sottolineati da Apple. Credo che all’utente interessi, oltre a questi elementi, anche un’analisi generale per verificare che ci sia un’esperienza utente diversa. Non resta che provarlo per mano per farsi un’idea più precisa dei nuovi dispositivi.

2 Comments

Cosa ne pensi?