Samsung manda fumo degli occhi con il concept del futuro Galaxy Fold

Il Galaxy Fold di Samsung fu presentato lo scorso febbraio. Si tratta di uno dei primi smartphone pieghevoli disponibili sul mercato. Attualmente si può comprare per 1.980 $ negli Stati Uniti, Francia, Corea del Sud, Germania, Singapore e Gran Bretagna.

Il problema è che ha convinto veramente pochi. Alla base di queste perplessità c’è l’estrema delicatezza dello schermo. La prima versione del Fold fu inviata ai blogger che subito notarono la sua fragilità. Tra tutti gli elementi critici individuati, quello di maggior rilievo era la copertura dello schermo con una pellicola protettiva di facile usura.

La seconda versione dello stesso modello, invece, nasconde questa pellicola nella cornice, evitando il distacco. Nonostante queste modifiche c’è ancora chi non è convinto nello spendere quasi 2.000 $ per uno smartphone così acerbo. Attualmente si inizia a sentire quell’odore tipico di flop informatico.

Per agitare un po’ le acque Samsung attua una strategia un po’ bizzarra. Mostra un concept di quello che potrebbe diventare il Fold tra qualche anno. Il video dura molto poco. Inizia con una versione stilizzata del Fold attuale, per poi mostrare una sorta di seconda generazione.

Mentre il modello attuale si piega in verticale, quello del concept si piega in orizzontale. Quindi da un dispositivo con meccanismo a libretto diventa una sorta di rivisitazione della conchiglia. Una forma tipica dei vecchi cellulari di oltre un decennio fa.

Il risultato è nettamente diverso dal Fold attuale. Il paradigma di piegare uno smartphone per avere un tablet una volta aperto, si trasforma in uno smartphone in grado di diventare molto piccolo una volta chiuso. È un po’ come andare nella direzione inversa: spostarsi dai phablet (smartphone utilizzabili come tablet) per andare verso i mini smartphone.

Ovviamente attualmente è tutto vaporware. Fumo negli occhi per avvalorare il progetto dal Galaxy Fold e i suoi sviluppi futuri. Tentando di spazzare via quella puzza di fallimento che inizia a pervadere l’aria.

Cosa ne pensi?