Fortnite

L’azzardo di Epic Games potrebbe costarle la sopravvivenza? Probabilmente no. La nota software house di videogame ha un bacino di utenti così ampio sulle piattaforme dedicate tale da consentirle di sopravvivere anche senza Apple. Di certo perderà molti soldi.

In base alle stime attuali Epic Games perde oltre 25 milioni di $ al mese per i mancati introiti derivanti da iOS. La società di Cupertino ha dichiarato che da quando il gioco Fortnite è nell’App Store, vale a dire dal marzo del 2018, Epic Games ha fatturato 600 milioni di $.

Applicando il 30% di commissioni del negozio di app, sappiamo che Apple ne ha ricavato 180 milioni di dollari. Denaro ottenuto semplicemente per aver dato visibilità al titolo, visto che i server del gioco sono di Epic Games. Denaro a cui Apple non vuole rinunciare.

Ed è questo uno dei motivi che ha spinto Apple a fare causa ad Epic Games e chiedere i danni. Non sappiamo a quanto ammontino i danni richiesti dall’azienda. Probabilmente questi comprendono anche i danni di immagine, visto che Epic Games l’ha descritta come un tiranno sui suoi social, scherzandola anche sullo spot 1984 con una parodia per denigrare la società della mela.

La mossa di Apple è di sicuro una reazione alla causa che Epic Games attivò a seguito del blocco degli aggiornamenti di Fortnite sull’App Store. Una causa che addita Apple come monopolista e prepotente.

Di recente la società di Fornite ha chiesto al giudice di obbligare Apple a ripristinare i suoi account sull’App Store e ripubblicare il suo catalogo. Questo per evitare la continua perdita di denaro.

È realmente convenuto ad Epic Games bruciare milioni di fatturato in questo modo?

Join the Conversation

1 Comment

  1. Certamente no….poi non gli costerà la sopravvivenza forse ma sicuramente avrà ripercussioni sul bilancio in modo molto negativo considerando che possa anche trascinarsi per anni questa controversia sono pur sempre 300 milioni di dollari all’anno……senza considerare che magari qualche utente solidale con Apple lo possano perdere anche su altre piattaforme…

Leave a comment

Cosa ne pensi?