Lo schema di Fabian Braunlein che spiega il suo sistema
Lo schema di Fabian Braunlein che spiega il suo sistema

In passato ho letto di molti progetti che miravano a creare un sistema di connessione tra dispositivi senza l’uso di internet. Il tutto funzionava mediante il rimbalzo tra reti fatte da dispositivi bluetooth.

Per funzionare c’è bisogno che vi siano tanti dispositivi provvisti di bluetooth e soprattutto siano accessibili mediante apposite app. Quindi come potete immaginare il sistema non ha avuto successo. Ci sono le reti internet che sono molto più estese e veloci.

Il sistema Find My Network funziona in modo simile. In questo caso il passaggio dei dati tra AirTag e iPhone avviene con il bluetooth, ma poi gli smartphone e tablet mandano l’informazione in rete comprendo quella parte di distanza che se fosse gestita solo via bluetooth non sarebbe possibile avere.

A tal proposito il ricercatore Fabian Braunlein ha avuto un’idea: approfittare del sistema per scambiare messaggi. Il tutto è stato reso possibile, come racconta nel suo sito, grazie a un modem modificato con ESP32 Firmware (trovate il progetto su GitHub).

Il modem, chiamato Find My modem, usa un modulo bluetooth per inviare il messaggio al sistema Find My network e consegnarlo al destinatario. Purtroppo il sistema funziona solo in uscita e non in entrata.

Il ricevente deve avere un software ad hoc creato con OpenHaystack, nel quale è stato inserito il riferimento del modem che invia il messaggio. Ricevere un messaggio richiede tra 1 a 60 minuti.

A cosa serve tutto questo? Al momento a nulla e praticamente Apple migliorerà la sua infrastruttura per evitare un uso non consono all’utilizzo per il quale è stato pensato. È solo un atto dimostrativo che spiega come potrebbero essere usate queste tecnologie.

Si potrebbe, per esempio, creare un sistema per inviare messaggi di richiesta di aiuto in quelle aree dove internet non c’è ma dove sono presenti tanti dispositivi bluetooth. Per esempio durante le calamità naturali quando internet non funziona.

Leave a comment

Cosa ne pensi?