Anker PowerCore 5K scaled

Ricordo quando usavo i classici power bank con il cavo. Spesso mettevo la batteria nella tasca posteriore dei pantaloni, per poi infilare il cavo nell’iPhone in carica, posizionandolo nella tasca anteriore. In pratica c’era questo cavo penzoloni per tutto il tempo.

Con l’avvento della tecnologia della carica a induzione, per poi passare a quella MagSafe, la carica con batterie esterne è diventata più agevole. Soprattutto non ci sono cavi penzoloni.

Qualche settimana fa vi parlai del modello Power Bank Wireless 5K di Anker. Oggi vi parlo di un modello della stessa azienda, ma arrivato solo di recente: il PowerCore Magnetic 5K con Bracket.

Le grandi differenze con il modello precedente sono tre:

  • È più sottile
  • Ha una sezione pieghevole che lo trasforma in stand per iPhone
  • Ha la carica a induzione che passa dai precedenti 5 watt a ben 7,5 watt. In pratica riesce a sfruttare tutta la velocità in ingresso degli iPhone

Dal punto di vista delle dimensioni misura 10,5 x 6,65 x 1,28 centimetri e pesa 142 grammi. La batteria MagSafe Battery Pack di Apple misura invece 9,5 x 6,3 x 1,1 cm e pesa 114 grammi.

Quindi abbiamo una batteria alta 1 centimetro di più, larga e spessa praticamente uguale a quella di Apple. Il peso è però di 30 grammi in più.

Rispetto al modello precedente di Anker è 1 centimetro più alta, 0,3 millimetri più larga e circa 10 grammi più pesante. Nello stesso tempo è più sottile di circa 1 millimetro.

Il design è abbastanza pulito. Si comprende al volo qual è la superficie magnetica da appoggiare al retro dell’iPhone grazie alla grafica dedicata. Sul retro questo tappetino di gomma che si può aprire e piegare. Una volta alzato si nota il segno grafico che fa comprende dove va appoggiata la chiusura magnetica per ottenere uno stand fermo e resistente.

Questa copertura in gomma ha in realtà anche una seconda funzione: se chiusa, quindi appoggiata completamente sul retro della batteria, funziona anche da superficie anti scivolo. Cosa che il modello precedente non possiede. Appoggiando la batteria su una scrivania si nota come questa non scivola facilmente.

Sul profilo inferiore c’è un pulsante di accensione, 4 LED per comprendere lo stato di carica e la porta USB-C. Componenti che nella batteria di Apple non ci sono. Il MagSafe Battery Pack va solo appoggiato sul retro dell’iPhone e questi regola automaticamente la carica. Al massimo si vede un LED che si colora in arancione quando sta per scaricarsi.

La batteria di Anker, invece, può essere anche spenta. Purtroppo a differenza del modello precedente non può essere spenta mentre l’iPhone è in carica. Questa scelta è stata presa forse per ricaricare l’iPhone non appena si appoggia la batteria sul dorso del telefono. Nel modello precedente bisogna attivarla manualmente.

Probabilmente studiando il mercato si sono accorti che molti lamentavano di aver collegato la batteria al telefono ma questa non caricasse. Così ecco sacrificare lo spegnimento manuale a favore di un’esperienza utente più fluida con l’attivazione automatica della carica.

Avere la porta USB-C è molto utile per 3 ragioni:

  • Un cavo USB-C da 60 centimetri è presente nella confezione e ormai si trovano molti caricabatterie USB-C in giro per casa o in ufficio.
  • Con il cavo USB-C si può usare la batteria Anker per ricaricare anche altri dispositivi come gli iPad. La batteria di Apple avendo la porta Lightning non carica altri dispositivi.
  • Usando la batteria come ponte si può ricaricare l’iPhone con un cavo USB-C. Personalmente stacco il cavo dal MacBook e lo attacco nella batteria per caricare l’iPhone con lo stesso caricabatterie. In questo modo basta avere con me un solo caricatore e un solo cavo.

Il componente che attira di più nel PowerCore Magnetic 5K è però la funzione Bracket, cioè supporto. Piegando il tappetino attaccato sul retro, la batteria diventa uno stand per iPhone.

Visto che l’attacco al telefono è magnetico, questi resterà ben saldo attaccato allo stand. L’aggancio magnetico è molto ben calibrato. Si può anche girare l’iPhone in orizzontale, magari per vedere video e film. In questo caso il telefono sembrerà una sorta di piccolo iMac.

DD10FD63 5617 4FA6 8CE6 32C36FA59FEE

Quindi immaginate di poter vedere un video tenendo l’iPhone sollevato in orizzontale, con un’angolazione a favore degli occhi e nello stesso tempo ricaricare la batteria dello smartphone.

La batteria di per se ha una capacità nominale di 5.000 mAh. A differenza del MagSafe Battery Pack di Apple, che ricarica in base a un complesso algoritmo che tiene conto di calore e percentuale di carica, la batteria di Anker ricarica in modo lineare. Personalmente lo preferisco. Il sistema MultiProtect ferma comunque la carica in caso di calore troppo elevato o sovraccarichi.

In base alle mie prove sono riuscito a ottenere una carica completa dell’iPhone 12 Pro. Ricaricando l’iPhone per 30 minuti ho ottenuto un incremento del 29% di batteria. La batteria di Anker si ricarica a 11 watt, ma scende a 7 watt se si attacca l’iPhone per ricaricarlo contemporaneamente.

La carica wireless funziona anche con le AirPods munite di custodia a carica a induzione. Non funziona con gli Apple Watch avendo questi ultimi una carica a induzione proprietaria di Apple.

Riassumendo la batteria PowerCore Magnetic 5K con Bracket di Anker è bella, funzionale e utile. Oltre a ricaricare completamente l’iPhone alla potenza di 7,5 watt (ricordo che la batteria di Apple si ferma a 5 watt), consente di usare la porta USB-C e ha una sezione pieghevole che la trasforma in stand.

Gli unici elementi negativi e migliorabili sono due:

  • Avrei preferito poterla spegnere quando l’iPhone è in carica per usarla solo come stand
  • Se si usa come stand e l’iPhone è in verticale, per ovvie ragioni la porta USB-C non diventa accessibile perché è sulla parte inferiore, quella che appoggia alla superficie sul basso. Quindi ricaricare l’iPhone e la batteria in questo layout non è possibile.

Avendo anche la batteria ufficiale di Apple, il MagSafe Battery Pack, posso fare un confronto e dire che se dovessi scegliere comprerei quella di Anker. Costa la metà e funziona anche meglio. Ricarica l’iPhone in modo lineare e non in base a un algoritmo imprevedibile, aggiunge lo stand e la porta USB-C.

Trovate la PowerCore Magnetic 5K con Bracket di Anker su Amazon dove è venduta per 59,99 €. All’interno c’è anche un coupon da 5 € per pagarla di fatto 54,99 €.

Classificazione: 5 su 5.

Lascia un commento

Cosa ne pensi?