L’iPad Pro smontato da iFixIt

L’opera di smontaggio di iFixIt è giunta al suo termine in questo turno di novità. Dopo aver smontato il MacBook Air e il Mac mini di quest’anno, infatti, la nota società di tecnici ha smontato il nuovo iPad Pro per verificare la fattibilità delle riparazioni.

La società ha smontato sul nuovo tablet ponendolo prima al passaggio dei raggi X. Si nota subito la mancanza del jack per le cuffie, ma guadagna l’ingresso USB-C. La società ha notato anche che il nuovo Liquid Retina ha lo stesso framerate del precedente, vale a dire 120 Hz.

La memoria di storage è gestita da Toshiba, il controller per l’energia elettrica è di Texas Instruments, mentre il chip del WiFi è di Apple.

L’elemento che occupa più spazio è sicuramente la batteria. Le due batterie offrono 7.812 mAh per 29,45 Wh. Nella versione precedente c’erano 30,8 Wh. Il Face ID è lo stesso dell’iPhone X. Da notare le varie sezioni di magneti che servono a ricaricare l’Apple Pencil.

In totale il giudizio di riparabilità è di appena 3 su 10. Dove 10 è il massimo della semplicità della riparabilità. La porta USB-C è facilmente riparabile. La batteria può essere cambiata con qualche difficoltà. Il vetro e lo schermo sono fusi insieme, così se si rompe lo schermo bisogna cambiare tutto l’elemento. All’interno c’è anche molto adesivo che rende difficile le riparazioni.

Cosa ne pensi?