Qualcomm

Un colpo direttamente nel regno di Apple. È quello che rischia la società a seguito della sua guerra legale con Qualcomm. La società di Cupertino è risultata colpevole di aver infranto un brevetto di Qualcomm.

La ITC (International Trade Commission) ha stabilito che Apple ha utilizzato impropriamente il brevetto n. 8.063.674 che si riferisce all’uso di un sistema che usa dei rilevatori di voltaggio per la carica dell’iPhone.

Qualcomm ha chiesto, a seguito del verdetto favorevole, di bloccare le vendite degli iPhone 7, 7 Plus, 8, 8 Plus e iPhone X negli Stati Uniti. Si tratta non di un blocco delle vendite puro, ma dell’impossibilità per gli operatori telefonici di importare iPhone da altri paesi e, quindi, venderli negli Stati Uniti.

Insieme alla condanna per infrazione, Apple ha ottenuto anche una piccola vittoria. Altri due brevetti che erano soggetto della causa indetta da Qualcomm sono stati considerati invalidi.

Siamo lieti che ITC abbia dichiarato invalide le ultime richieste di brevetto di Qualcomm, è un altro passo importante per far sì che le aziende americane siano in grado di competere in modo equo sul mercato. Qualcomm sta utilizzando questi casi per distrarsi dal dover rispondere per i problemi reali, le loro pratiche commerciali monopolistiche. Sono stati indagati dai governi di tutto il mondo per il loro comportamento e non vediamo l’ora di offrire dettagli riguardanti i modi con cui stanno danneggiando i consumatori e soffocando l’innovazione.

Ha dichiarato Apple in una nota.

Qualche settimana fa Apple è stata condannata a pagare 31,6 milioni di $ per un’altra causa di Qualcomm. L’azienda dei chip ha anche ottenuto il ban delle vendite dei vecchi modelli di iPhone in Cina e Germania.

Leave a comment

Cosa ne pensi?