Un documento di Goldman Sachs ci dice di più sull’Apple Card

Apple Card

Qualche tempo fa ho raccolto tutte le informazioni che avevamo al momento sull’Apple Card. A questo aggiungiamo che la disponibilità è fissata per questo mese negli Stati Uniti. A tal proposito arrivano altre informazioni, perchè Goldman Sachs, la banca partner di Apple che si occupa degli aspetti finanziari, ha pubblicato un nota informativa.

Nella nota si possono evincere altri dati. Oltre ad essere confermato il tasso tra il 13,24% e il 24,24%, in base alla propria capacità di far fronte ai debiti, sappiamo che se il debito raccolto il mese precedente sarà pagato interamente il mese successivo, non si applicheranno interessi.

In pratica, per esempio, se si usa l’Apple Card per fare acquisti a febbraio e la somma totale di febbraio viene pagata a marzo, non si pagano interessi. Si pagano se il debito di febbraio lo si paga durante il mese di marzo o successivi. Il calcolo dei debiti viene fatto quotidianamente.

Un’altra cosa che si legge è che per i pagamenti online c’è un limite massimo di 5 utilizzi al giorno. Il limite non c’è per i pagamenti nei negozi fisici. Non ci sono altre commissioni al di fuori dagli interessi negativi sul debito. Anche il pagamento all’estero, con relativo cambio di valuta, non ha commissioni.

Per la questione del cashback, con il sistema Daily Cash, sono previste tre percentuali di bonus:

  • Il 3% per gli acquisti negli Apple Store, App Store e altri negozi di Apple (come iBooks e iTunes).
  • Il 2% quando si usa Apple Pay.
  • L’1% quando si usa la carta fisica nei negozi.

Questo bonus non sarà accreditato sull’Apple Card, ma nel proprio account Apple Cash. In pratica diventerà credito utilizzabile con il sistema Apple Pay Cash per mandare soldi ad amici e parenti mediante iMessage. La società consente, comunque, di usare questo credito accumulato per ripagare il debito della carta il mese successivo.

L’Apple Card non sarà utilizzabile solo se si possiede un iPhone. Si può gestire anche dagli iPad. Inoltre se su questi dispositivi viene effettuato il jailbreak, Apple bloccherà completamente l’accesso al conto.

Vi ricordo che l’Apple Card è realizzata in titanio e pesa 14,75 grammi. La si può richiedere gratuitamente, ma non sono previste unità aggiuntive da consegnare agli altri familiari. Al momento nessuna informazione sull’arrivo in Italia. Nel nostro paese siamo in attesa ancora di Apple Pay Cash.

2 Comments

  1. “In pratica, per esempio, se si usa l’Apple Card per fare acquisti a febbraio e la somma totale di febbraio viene pagata a marzo, non si pagano interessi. Si pagano se il debito di febbraio lo si paga durante il mese di marzo o successivi. ”

    Mi pare che sia un conflitto tra ciò che affermi nella prima parte della frase e quello che invece affermi nella seconda parte.
    In pratica, se gli acquisti di febbraio li pago a a marzo, pago e non pago gli interessi contemporaneamente…
    Immagino che nella seconda parte della frase si dovrebbe leggere “aprile”, invece di “marzo”.
    😉

    • No in pratica se tu per l’inizio del mese successivo non paghi tutto il saldo inizia a pagare gli interessi. Tipo a febbraio faccio diversi acquisti durante il mese e a fine mese devo pagare 800 €. Se per l’1 marzo non ho saldato gli 800 € di febbraio inizio a pagare gli interessi sugli 800 € per ogni giorno che passa.

Cosa ne pensi?