Pro Display XDR: senza panno specifico rischi di raschiare via 1.000 €

Molti si stanno focalizzando sul prezzo del Mac Pro, che nella versione italiana richiede almeno 6.599 €. Io invece vorrei soffermarmi sul prezzo del Pro Display XDR che richiede almeno 5.599 €. Chi vuole computer e schermo, quindi, dovrà sommare questi prezzi.

Si può notare a colpo d’occhio come lo schermo 6K di Apple, ampio 32”, costi quasi quanto il computer. Tra l’altro acquistandolo si potrà scoprire una cosa: arriva senza piedistallo. Se non ne avete uno compatibile dovrete comprare quello di Apple che è venduto a parte per 1.099 €. Quindi schermo e piedistallo Pro Stand costano 6.698 €, superando di fatto il prezzo del computer.

Ma si può fare di meglio. Si può ordinare la versione con trattamento nanotexture. Questa costa altri 1.000 € portando il prezzo dello schermo a 6.599 € (esattamente quanto il Mac Pro). Aggiungendo il Pro Stand si arriva a 7.698 €.

Il trattamento nanotexture è una copertura speciale in nanoparticelle che riduce al minimo i riflessi delle luci esterne. È molto utile per chi lavora con le immagini in ambienti molto illuminati e non vuole distrazioni, o possibilità di essere fuorviato dalle luci esterne.

Il problema è che se vi capita di pulire lo schermo con acqua e sapone rischiate di raschiarlo via, buttando nel cestino 1.000 €. Un errore imperdonabile che può essere evitato solo usando l’apposito panno speciale integrato nella confezione dello schermo.

Come dichiara Apple in un documento pubblicato nel suo sito, infatti, lo schermo con nanotexture va pulito solo con questo panno speciale. Se lo si perde si può fare richiesta per riceverne uno nuovo, anche se non viene specificato un prezzo per il nuovo panno e la spedizione.

Sapere di dover usare il panno apposito per pulire il Pro Display XDR è un’informazione importante. Se qualcuno in azienda ha la brillante idea di usare un comune panno in microfibra rischia di portare via le nanoparticelle dalla superficie dello schermo, grattando 1.000 € in poco tempo.

Cosa ne pensi?