I podcast in Italia nel 2019: ecco tutti i dati

uso delle piattaforme podcast 2019
uso delle piattaforme podcast 2019

L’industria dei contenuti televisivi sta vivendo una grande trasformazione. Eccetto per la popolazione più vecchia, ormai non si fa più uso di contenuti la cui programmazione è decisa da qualcun altro, ma si fa uso di contenuti streaming gestiti dall’utente in piena autonomia.

Stessa rivoluzione la sta vivendo l’industria delle radio. Sempre più spesso si fa uso di podcast durante gli spostamenti o in casa, per poter gestire in autonomia l’ora della riproduzione e la scelta dei contenuti. Un settore in continua crescita da circa 10 anni.

Secondo l’ultima analisi di Voxnest, infatti, siamo di fronte ad un mercato mondiale di 800.000 podcast per un totale di 62 milioni di audio ascoltatori. Un mercato che, grazie all’introduzione della pubblicità, raggiungere un fatturato di 1 miliardo di $ nel 2021.

Ma soffermiamoci al mercato italiano. In Italia all’inizio del 2019 erano stati raggiunti 27 milioni di download di podcast. A fine 2019 si è arrivati a 55 milioni di download. In pratica un raddoppio rispetto all’anno precedente. Si è passati da 60.000 ascolti quotidiani a 160.000 ascolti. La media mensile è passata da 1,8 milioni a 4,5 milioni.

La crescita italiana dell'ascolto dei podcast
La crescita italiana dell’ascolto dei podcast

La piattaforma più usata per l’ascolto dei podcast non è Apple Podcast. Il sistema di Apple era molto usato all’inizio dell’anno. Ma adesso è Spotify leader del settore in Italia. La crescita dell’azienda svedese si è avuto grazie ad acquisizioni importanti per 500 milioni di $, come Gimlet Media e Anchor.

L’integrazione massiva di podcast in Spotify ha aiutato il settore a crescere in Italia, coprendo persone che non usavano i podcast probabilmente per un’esperienza d’uso non all’altezza. In pratica Spotify ha aiutato a coprire coloro che usano Android e non hanno accesso ai Podcast di Apple.

Gli utenti italiani che usufruiscono dell’ascolto dei podcast ora sono 3,8 milioni, contro gli 1,7 milioni dello scorso anno. Una base che potrebbe aumentare ulteriormente nei prossimi anni.

Gli Stati Uniti restano ovviamente il mercato principale al mondo, ma tra i paesi a maggior crescita per contenuti e ascoltatori l’Italia è al terzo posto, dopo Argentina e Brasile.

Per quanto riguarda i settori di maggior successo nei podcast abbiamo la categoria business al 17,6%, società e cultura al 14,6%, le notizie al 9,9%, il tempo libero al 6,9%, il calcio al 3,9% e un calderone di tante altre categorie che insieme formano il 47,2%.

categorie di maggior successo nei podcast
categorie di maggior successo nei podcast

Ci sono anche altri dati interessanti nel settore. Per esempio dei nuovi ascoltatori il 67% sono donne. Incremento dovuto alla crescita di contenuti dedicati al settore femminile, come Morgana, Romantic Italia e La Linguacciuta.

Il 2020 prevede una ulteriore crescita, anche grazie all’aumento dei sistemi remunerativi come piattaforme pubblicitarie. Questo aumenterà gli investimenti e convincerà sempre più professionisti e non a dedicarsi al settore. In fondo le tecnologie di produzione dei contenuti è sempre più economica. Tecnicamente basta anche un semplice smartphone per poter registrare e montare una puntata.

La stessa Anchor acquistata da Spotify consente di creare contenuti in mobilità e caricarli nella piattaforma in pochi passaggi, semplificando al massimo la gestione del proprio canale.

Cosa ne pensi?