I Mac con processore di Apple? Sono anni che se ne parla. La società di Cupertino ha ormai tutte le conoscenze e le capacità di integrare i suoi processori proprietari nei Mac. Le prestazioni ottenute negli iPhone e iPad superano già i computer più veloci in commercio.

Secondo Bloomberg la società di Cupertino annuncerà questo passaggio storico già questo mese, sotto forma di “anteprima”. L’annuncio sarebbe stato organizzato per la WWDC 2020 che, come saprete, inizierà il prossimo 22 giugno a San Jose (California).

Durante il Keynote, un po’ come fece nel 2005 con il passaggio dai chip PPC a quelli Intel, la società annuncerà che sta lavorando al passaggio dai processori Intel ai chip proprietari basati su architettura ARM.

La commercializzazione ufficiale dovrebbe avvenire nel 2021 con i primi Mac muniti di processori Apple. All’epoca, con il passaggio ai processori Intel, la società rilascio il tool Rosetta per rendere compatibili le app costruite su architettura PPC.

È probabile che la WWDC, quindi, sarà anche occasione di comunicare agli sviluppatori come avverrà la migrazione. Se ci sarà bisogno di un’ottimizzazione del codice o se Xcode provvederà automaticamente a rendere compatibile le applicazioni.

È probabile che il tutto sarà integrato in un’evoluzione del progetto Catalyst. Non resta che attendere il lancio, con la curiosità di vedere le performance di questi nuovi processori.

Leave a comment

Cosa ne pensi?