HomePod mini
HomePod mini

Costa appena 99 $, almeno negli USA, e si appresta a dare del filo da torcere agli Echo di Amazon. Il nuovo HomePod mini, in effetti, ricordano molto anche il design dello speaker concorrente. La differenza principale sta nel fatto che il piccolo HomePod è munito anche di schermo touchscreen.

Come da tradizione la società di Cupertino ha inviato alcune unità in prova ad alcuni siti selezionati. Questi hanno provato l’HomePod mini per qualche giorno. Ma cosa ne pensano in merito?

Marques Brownlee ha evidenziato che la versione nera ha lo schermo che raccogliere le ditate facilmente. Inoltre il cavo nero dello speaker cozza un po’ con il caricabatterie che è il classico bianco di Apple. A quanto pare Apple si è persa una “cura dei particolari”. La sua conclusione è che l’HomePod mini ha senso se avete già l’ecosistema di Apple, altrimenti meglio comprare altro.

Rene Ritchie ha evidenziato che il suono non è ovviamente al livello del fratello maggiore, ma nonostante la grandezza e il prezzo di mercato suona molto bene. Il segreto è il chip S5 presente anche nell’Apple Watch, utilizzato per l’audio dinamico e computazionale. In sostanza il cervello dello speaker lavora per favorire la qualità musicale migliore con il machine learning. Non è solo una questione di grandezza dell’altoparlante.

In altre parole l’HomePod mini con il suo prezzo ridotto, rispetto all’HomePod più grande, può diventare una valida alternativa. Soprattutto se avete già altri prodotti Apple in casa. Allo stesso prezzo si possono trovare soluzioni alternative e valide anche presso la concorrenza.

Apple fornisce una protezione della privacy migliore e una qualità audio all’altezza. Al momento l’HomePod mini è venduto in Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, India, Giappone, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. Entro fine anno arriverà anche in Cina, Messico e Taiwan. Al momento niente Italia. La società dovrebbe ottimizzare Siri per renderlo più “intelligente”. Operazione che attendiamo da anni anche nelle Apple TV.

Leave a comment

Cosa ne pensi?