Un MacBook Air con processore M1
Un MacBook Air con processore M1

Sono iniziate le vendite dei nuovi MacBook Pro e MacBook Air con il nuovo processore M1. Si tratta di un chip proprietario da 8 core che contiene CPU, GPU e Neural Engine. Tutti elementi costruiti da Apple e ottimizzati per macOS Big Sur.

La società ha mandato alcune unità ai media selezionati per testarli. E cosa ne pensano? Sono tutti abbastanza concordi: i nuovi computer sono sorprendentemente veloci. La società aveva annunciato che i nuovi chip sarebbero stati in media 3 volte più veloci di quelli Intel.

Un annuncio accolto con diffidenza in quanto le scale di calcolo usate da Apple avrebbero potuto essere studiate a tavolino per creare scalpore. Invece nei test nella vita reale è stato tutto confermato. I nuovi computer sono incredibilmente veloci. Apple ci è riuscita: ha superato Intel nell’ottimizzazione dei suoi processori.

Anche la batteria offre un’autonomia superiore. Ufficialmente 18 ore nell’Air e 20 ore nel Pro. Nell’uso nel mondo reale la batteria dura almeno 10 ore in un giorno di uso intensivo. Significa poter ricaricare il computer la sera prima e lavorare tutto il giorno. Significa viaggiare sapendo di contare per qualche giorno dell’autonomia del proprio computer, senza dover andare in giro a trovare una presa di corrente.

Un altro aspetto interessante è la minima differenza di prestazioni tra gli Air e i Pro. Differenza più netta in passato con i processori Intel. In pratica il MacBook Pro è un Air a cui è stata aggiunta la Touch Bar. Cosa non del tutto positiva. Se non vi piace la Touch Bar, e ve ne parla uno che ce l’ha ma la odia, potrete trovare i nuovi tasti funzione nell’Air.

Nella recensione di Techcrunch troverete moltissimi test indipendenti effettuati con il processore. Test che dimostrano la velocità dei nuovi processori e l’aumento dell’autonomia della batteria.

In tutto questo c’è solo un punto negativo: la webcam. La risoluzione a 720p, per quanto sia corretta con il Neural Engine, offre una qualità video non all’altezza. La società potrebbe passare tranquillamente alla versione fullHD o addirittura 4K come negli iPhone.

In pratica i nuovi computer, per quanto siano la prima generazione con chip proprietari ARM, sono i migliori portatili in circolazione e non hanno grandi difetti come ci si aspetterebbe. I redattori di TheVerge sono arrivati a definirli i migliori portatili sulle quali hanno messo le mani negli ultimi anni.

Quindi comprarli? Il consiglio è di farlo, anche se molte app non sono state ancora ottimizzate. Probabilmente per molte app di uso quotidiano servirà ancora 1 anno, o addirittura 2. Ma sta di fatto che quando la transazione sarà ultimata potremo usare i computer più veloci di sempre, con un’autonomia all’altezza.

Se vi interessano trovate i MacBook Air e MacBook Pro su Amazon.

Join the Conversation

5 Comments

  1. Quando la transazione sarà ultimata ci saranno quelli con processore M3.. conviene comprare quelli no?

  2. Eh, ma per arrivare all’M3 ci vorrà il 2023. Nel 2021 credo arriverà solo un M1X un po’ come avviene tra iPhone e iPad.

  3. E la transizione verso il Palladium è compiuta. I minuti sono contati che non sarà più possibile installare alcun software che non sia sull’App Store. E addio libertà di utilizzo. FSF intervieni tu!

Leave a comment

Cosa ne pensi?