Jack Dorsey

Arrivano novità importanti per Twitter, servizio di micro blogging fondato nel 2007. Il suo fondatore Jack Dorsey non sarà più CEO.

La decisione di Jack arriva per dare il testimone ad altri e per focalizzarsi sulle altre aziende che ha fondato, come il sistema di pagamenti Square. Jack lasciò già la guida dell’azienda nel 2008 per cederla al co-fondatore Evan Williams. Poltrona finita a Dick Costolo nel 2010, per poi tornare a Jack Dorsey nel 2015.

Il problema di Twitter è che la crescita è stagnante. Nonostante sia uno dei servizi più utili al mondo, per via della velocità e della disintermediazione di chi scrive, la società non è mai riuscita a decollare come Facebook.

Se Facebook ha fatturato 86 miliardi di $ nel 2020, Twitter ne ha fatturati solo 3,7 miliardi e tra l’altro il bilancio si è chiuso in rosso per 1,1 miliardi di $. L’86% delle entrate arrivano dalle pubblicità per questo Dorsey ha tentato di cambiare il business model con l’abbonamento Twitter Blue. Al momento a quanto pare con scarsi risultati.

Ecco cosa ha scritto Jack per la sua uscita:

Ciao Team.


Dopo quasi 16 anni in cui ho ricoperto un ruolo nella nostra azienda… da co-fondatore a CEO, a Presidente, a Exec Chair, a CEO ad interim a CEO… ho deciso che è finalmente giunto il momento per me di andarmene. Come mai?


Si parla molto dell’importanza che un’azienda sia “guidata dal fondatore”. In definitiva, credo che sia gravemente limitante e punto di fallimento. Ho lavorato duramente per garantire che questa azienda possa slegarsi dai suoi fondatori. Ci sono 3 ragioni per cui credo che ora sia il momento giusto.


Il primo è Parag Agrawal che diventa il nostro CEO. Il consiglio ha condotto un processo rigoroso considerando tutte le opzioni e ha nominato all’unanimità Parag. Era la mia scelta già da un po’ vista la sua profonda comprensione dell’azienda e delle sue esigenze. Parag è stato dietro ogni decisione critica che ha contribuito a trasformare questa azienda. È curioso, indagatore, razionale, creativo, esigente, consapevole di sé e umile. Guida con il cuore e l’anima, ed è qualcuno da cui imparo ogni giorno. La mia fiducia in lui come nostro CEO è profonda.


Il secondo è Bret Taylor d’accordo per diventare il nostro presidente del consiglio. Ho chiesto a Bret di entrare a far parte del nostro consiglio quando sono diventato CEO, ed è stato eccellente sotto ogni punto di vista. Comprende l’imprenditorialità, l’assunzione di rischi, le aziende su vasta scala, la tecnologia, i prodotti ed è un ingegnere. Tutte le cose che il consiglio e l’azienda meritano in questo momento. Avere Bret in questo ruolo di leadership mi dà molta fiducia nella forza del nostro consiglio in futuro. Non hai idea di quanto questo mi renda felice!


Il terzo siete tutti voi. Abbiamo molta ambizione e potenziale in questa squadra. Considerate questo: Parag ha iniziato qui come ingegnere molto dedito al lavoro e ora è il nostro CEO (anche io ho avuto un percorso simile…lui lo ha fatto meglio!). Solo questo mi rende orgoglioso. So che Parag saprà incanalare al meglio questa energia perché l’ha vissuta e sa cosa serve. Tutti voi avete il potenziale per cambiare in meglio il corso di questa azienda. Lo credo con tutto il cuore!


Parag è CEO a partire da oggi. Farò parte del consiglio per tutto il mio mandato (May-ish) per aiutare Parag e Bret nella transizione. E dopo… lascerò il consiglio. Perché non restare o diventare presidente? Credo che sia davvero importante dare a Parag lo spazio di cui ha bisogno per guidare l’azienda. E tornando al punto precedente, credo sia fondamentale che un’azienda possa reggersi da sola, libera dall’influenza o dalla direzione del suo fondatore.


Voglio che sappiate che questa è stata una mia decisione e che ne sono responsabile. È stata dura per me, ovviamente. Amo questo servizio e compagnia e tutti voi così tanto. Sono davvero triste… ma davvero felice. Non sono molte le aziende che arrivano a questo livello. E non sono molti i fondatori che scelgono la propria azienda al posto del proprio ego. So che dimostreremo che questa è stata la mossa giusta.


Domani alle 9:05 (Pacifico) avremo una riunione plenaria per discutere di tutto. Fino ad allora, grazie a tutti voi per la fiducia che avete riposto in me e per l’apertura nel costruire quella fiducia in Parag e in voi stessi. Vi amo tutti.


jack


PS Sto twittando questa email. Il mio unico desiderio è che Twitter Inc sia la più trasparente azienda nel mondo. Ciao mamma!

Parag Agrawal è un indo-americano. Fu assunto in Twitter nel 2011 e dal 2018 è CTO della società. In passato ha lavorato per Microsoft Research e Yahoo Research.

È un grande esperto di machine learning e intelligenza artificiale, oltre ad essere un sostenitore del settore delle cryptovalute. Questo potrebbe lasciare intendere che sotto la sua guida ci sarà maggiore spazio all’uso dei bot per la pubblicazione di tweet e all’integrazione di sistemi contro il cyber bullismo e fake news.

Lascia un commento

Cosa ne pensi?