Che cos’è la tecnologia OGRS che avrebbe fatto scambiare messaggi senza connessione

OGRS Intel
OGRS Intel

Se questo sito fosse nato negli anni ’70 o ’80, ovviamente in forma cartacea come si utilizzava all’epoca, sarebbe stato probabilmente una rivista di radioamatori. Visto che i cellulari non esistevano, la cosa più vicina sarebbe stata un baracchino radio, per collegarsi alle varie frequenze. Era il mezzo migliore per sentire persone lontane senza spendere denaro in telefonate.

In fondo se ci pensiamo anche gli smartphone sono grandi radio. Utilizzano delle frequenze particolari, che spesso cambia da ogni operatore. Per il GSM in Europa si utilizzano i 900 MHz e 1800 MHz. Per il 4G anche le frequenze 1800 MHz, 2000 MHz e 2600 MHz. Per il 5G 3600 GHz e 3.800 GHz e così via.

Gli operatori telefonici, che forniscono l’accesso all’infrastruttura e l’uso della rete, fanno pagare spesso per i vari minuti in uscita, oppure per il traffico dati che passa per alcune frequenze. Se avessimo due walkie talkie potremmo collegarli ad una distanza massima di 50 KM all’aperto usando le frequenze da 400 fino a 470 MHz. In questo caso senza pagare per la rete utilizzata.

Da qui l’idea di unire i due sistemi per ottenere qualcosa di utile. Questa tecnologia si chiama OGRS (si pronuncia ogres) e significa Off Grid Radio Service, vale a dire servizio radio fuori rete. Indica l’uso di basse frequenze per la comunicazione. Una sorta di bluetooth potenziato se possiamo semplificare in questo modo.

Apple e Intel stavano lavorando all’integrazione di questa tecnologia in un chip per iPhone. In pratica l’obiettivo era consentire lo scambio di messaggi anche in aree dove la connessione dati o voce non è disponibile. Immaginiamo una foresta o una gita in barca.

La tecnologia messa a punto da Intel, conosciuta internamente come Progetto Shrek, utilizza la frequenza dei 900 MHz per collegare due iPhone tra di loro senza passare per la rete telefonica, a patto che i due smartphone siano in un’area abbastanza circoscritta.

Purtroppo pare che Apple abbia deciso di non investire più nella OGRS. L’azienda di Cupertino ha rilevato la sezione modem di Intel per 1 miliardo di dollari, lo scorso luglio. Il progetto Shrek faceva parte di questa divisione. Pare che dietro la decisione di fermarlo ci sia l’uscita di Rubén Caballero.

Il manager entrò in Apple nel 2005 occupandosi di moltissimi brevetti relativi alla tecnologia wireless. Dopo essersi occupato per anni delle antenne e dei chip telefonici di Apple, Caballero era pronto per passare alla gestione del team 5G della società.

Prima di acquistare la divisione modem di Intel, Apple strinse un accordo con Qualcomm per la produzione dei chip 5G. Fu proprio questo accordo, dicono voci ben informate, a convincere Caballero ad abbandonare la società. La tecnologia OGRS, infatti, era in sviluppo in collaborazione con la partner Intel. Forse se avesse aspettato qualche mese in più, Caballero avrebbero poi potuto giovare dell’acquisizione di Intel per portare avanti questo filone.

La funzione Walkie Talkie degli Apple Watch
La funzione Walkie Talkie degli Apple Watch

Al momento, quindi, l’integrazione del sistema OGRS negli iPhone è sospeso e non sappiamo quando e se sarà ripreso.

Tecnologie simili sono in realtà in uso da qualche tempo. Senza citare la funzione Walkie Talkie degli Apple Watch, che utilizzano il bluetooth o il WiFI, troviamo moltissime app che usano la connessione bluetooth per collegare le persone e consentire loro di scambiare messaggi.

Alcune aziende, inoltre, vendono una sorta di ripetitore bluetooth in grado di potenziare il segnale, per collegare persone distanti diverse centinaia di metri. Si tratta di sistemi di scarso successo, perché obbligano ad acquistare degli accessori, spesso anche costosi, per usare una tecnologia in realtà poco utilizzata quotidianamente. Il classico sistema che quando ti serve non hai con te.

La comodità nell’avere l’integrazione in tutti gli iPhone, in aggiunta all’integrazione a livello software, avrebbe permesso di usare questo tipo di connessione senza accorgersene, ricorrendo automaticamente alla tecnologia radio a corto raggio quando la connessione dell’operatore sarebbe stata assente.

Baldacchino radio
Baracchino radio

La speranza è che Apple decida di riprendere il progetto, magari convincendo Caballero a tornare nella società. Attualmente questi risulta ancora un dipendente di Apple, forse per un patto di non concorrenza.

La tecnologia OGRS potrebbe fare la differenza in caso di disastri e blackout, per collegare le persone quando la rete è intasata, guasta o assente. Potrebbe consentire le persone di trarsi in salvo ricevendo notizie su rifugi sicuri, oppure sapere semplicemente se un parente vicino sta bene.

2 Comments

  1. Come sempre articolo interessante ma un piccola precisazione: si dice “baracchino” e non “baldacchino” 😉 Sicuramente un refuso nella correzione automatica.

Cosa ne pensi?