Durante la WWDC 2020 furono presentate le novità inerenti i nuovi sistemi operativi di Apple, come iOS 14 e Big Sur. Tra le novità “minori” ci sono quelle per AirPods e AirPods Pro. Gli auricolari di Apple hanno un successo enorme, ma non esiste un sistema operativo apposito.

La società di tanto in tanto aggiorna il firmware. Ieri, per esempio, è stato aggiornato alla versione 3A283 che integra le novità annunciate nel corso dell’evento di giugno. Queste consistono in:

  • Spatial Audio
  • Switching automatico

Spatial Audio

Il primo è molto interessante. Apple lo descrive così:

Grazie all’audio spaziale con rilevamento dinamico della posizione della testa, quando indossi gli AirPods Pro ti sembrerà di essere al cinema.10 Applicando filtri direzionali e regolando con precisione le frequenze che arrivano a ciascun orecchio, l’audio spaziale può collocare i suoni praticamente in qualsiasi punto dello spazio per una resa surround incredibilmente avvolgente. In più, sfrutta il giroscopio e l’accelerometro negli AirPods Pro e nell’iPhone per seguire il movimento della tua testa e del dispositivo, poi confronta i due set di dati e rimappa il campo sonoro in modo che resti ancorato al dispositivo anche mentre ti muovi.

Ok tutto molto bello, ma nel concreto che cosa si sente? Io l’ho provato e provo a descrivervelo. In pratica è come se fossimo realmente al centro della scena di cui ascoltiamo l’audio. Non è una questione di audio 8D con quei file che si trovano in giro su YouTube. Non è una questione della direzione dalla quale proviene l’audio.

Per capire cosa si ascolta immaginiamo di essere per strada e ci sono due persone alla nostra destra che parlano. Se noi ruotiamo sul posto le persone sono sempre nella stessa posizione, ma è come ascoltarle di lato, oppure se diamo loro le spalle è come se le ascoltassimo da dietro.

Quindi la differenza è che mentre con l’audio 8D noi ascoltiamo il suono provenire da varie direzioni, con lo spatial audio il suono è sempre nello stesso punto, ma se noi ruotiamo la testa è come se fossimo sulla scena, quindi lo sentiamo a fianco a noi, dietro e così via.

Il risultato è un livello maggiore di immersione nella scena, come se fossimo al cinema. Potete provare voi stessi con il film Greyhound su Apple TV+, oppure con un video confezionato ad hoc. State attenti perché su YouTube stanno circolando tanti video che dicono di simulare lo spatial audio, ma sono in realtà comuni file 8D. Ecco un video che invece funziona (da usare con l’iPhone).

Switching automatico

La funzione di switching automatico è l’uovo di colombo che serviva da tempo. Onestamente pensavo che le AirPods lo avessero sin dalla prima versione, per poi scoprire che Apple non lo aveva integrato.

Si tratta di avere attive le AirPods sul dispositivo che stiamo usando in quel momento. Quindi se stiamo ascoltando una canzone sull’iPhone le AirPods prendono l’audio da quello, ma se facciamo play da un video su YouTube dall’iPad le AirPods si collegano al tablet un secondo dopo.

Non dobbiamo richiamare le AirPods nelle impostazioni di AirPlay ogni volta. Il passaggio avviene automaticamente.

L’ho provato e funziona bene. Però fate attenzione perché la versione beta di macOS Big Sur non supporta ancora questa funzione, quindi va solo sugli iPhone, Apple Watch e iPad. Spero sia integrata nelle prossime beta e nella versione pubblica.

Altro

Apple fa sapere che nell’ultimo firmware è stato anche migliorato l’audio delle AirPods. Con la regolazione delle cuffie, infatti, abbiamo:

Questa nuova funzione per l’accessibilità amplifica i suoni più deboli e agisce su alcune frequenze adattandole alle caratteristiche individuali dell’udito, per garantire un ascolto più chiaro e dettagliato di musica, film, telefonate e podcast. Quando la usi insieme alla modalità Trasparenza degli AirPods Pro, dà più risalto alle voci e regola i suoni dell’ambiente in base alle tue esigenze uditive.

Per aggiornare il firmware delle AirPods alla versione 3A283 fate come segue:

  1. Mettere la custodia sotto carica.
  2. Accertarsi che l’iPhone sia sotto rete WiFi.
  3. Aprite il coperchio e verificate che l’iPhone le legga.
  4. Chiudete il coperchio lasciando la custodia sotto carica.
  5. Lasciare l’iPhone e le AirPods vicini.
  6. Attendete tra i 15 e i 30 minuti.

Al termine vedrete il nuovo firmware in Impostazioni > Generali > Info > AirPods.

Se non le avete è il momento opportuno per comprarle. Le AirPods 2 costano 127,71 € su Amazon, mentre sempre su Amazon le AirPods Pro costano 199 €.

Leave a comment

Cosa ne pensi?