Il Green Pass europeo
Il Green Pass europeo

Ve la ricordate Immuni? L’app sviluppata gratuitamente da Bending Spoons, poi passata al Sogei. Doveva servire per tracciare i contagi in Italia, ma la diffidenza di molte persone unita alla scarsa collaborazione delle ASL ne hanno portato al fallimento.

All’epoca furono tanti gli inviti a scaricare l’app e usarla. Purtroppo come sappiamo la cosa non avvenne. Ora Immuni potrebbe ritrovare una seconda vita grazie al Green Pass.

Il Certificato Verde, come riporta il sito dell’EU, serve a viaggiare senza subire quarantena in tutta l’Unione Europea. Il Green Pass certifica di non avere il Covid e avere gli anticorpi. A tal proposito lo si riceve in tre modi:

  • Facendo il vaccino anti-COVID
  • Dopo aver superato una infezione da COVID
  • Sottoponendosi a un tampone 48 ore prima del viaggio e ricevendo esito negativo

Il certificato da metà giugno sarà cartaceo, ma dal 1 luglio sarà digitale e distribuito mediante un codice QR.

La distruzione sarà fortunatamente automatica. Sogei, che si occupa delle banche dati di Stato, unirà quelle delle ASL, centri vaccinali, medico di base, farmacie, strutture sanitarie e così via. Quando una di queste rilascerà la certificazione usando l’anagrafe vaccinale di Stato, il cittadino riceverà la notifica con il QR Code.

Se non volete installare Immuni neanche questa volta niente paura. Il sistema si potrà utilizzare anche con l’app IO che abbiamo scaricato per attivare cose come il bonus vacanze o il cash back di Stato.

Il Green Pass potrà essere usato anche per consentire la partecipazione a feste di nozze, partecipare a concerti, entrare in discoteca e così via. Sarà un incentivo per vaccinarsi e tornare alla normalità.

Leave a comment

Cosa ne pensi?