AI

Era dai tempi del film Her che l’umanità sogna un assistente virtuale in grado di interagire realmente con l’uomo. Un amico, un assistente, in grado di attivarsi in qualsiasi momento durante la giornata.

Probabilmente non siamo ancora a quei livelli, ma il nuovo modello GTP-4o di OpenAI ci va molto vicino. Presentato di recente nel corso di un evento, questo nuovo modello linguistico promette di rivoluzionare l’interazione uomo-macchina.

Con capacità straordinarie come la comprensione del linguaggio naturale, GPT-4o sfida le limitazioni degli assistenti digitali tradizionali, aprendo nuove frontiere nell’ambito dell’elaborazione del linguaggio e dell’apprendimento automatico.

Ma cosa permette di fare? Vediamo le sue peculiarità.

Che cos’è GPT-4o

Che cos’è GPT-4o?

GPT-4o è l’ultima evoluzione dei modelli linguistici di intelligenza artificialesviluppati da OpenAI. Acronimo di Generative Pre-trained Transformer 4, rappresenta un significativo passo avanti rispetto ai suoi predecessori, GPT-3 e ChatGPT.

Questo modello rivoluzionario è stato addestrato su enormi quantità di dati testuali, apprendendo a comprendere e generare testi in modo simile all’essere umano. GPT-4o è in grado di elaborare input di testo e immagini, consentendogli di affrontare una vasta gamma di compiti con precisione e coerenza senza precedenti.

Le funzioni principali

GPT-4o vanta capacità straordinarie, tra cui:

  • Comprensione del linguaggio naturale: Analizza e interpreta il linguaggio umano in modo accurato, cogliendo sfumature e contesti.
  • Generazione di contenuti: Crea testi coerenti e fluidi, adattandosi a diversi stili e registri linguistici.
  • Analisi di immagini: Descrive e interpreta immagini, integrando informazioni visive e testuali.
  • Elaborazione multilingua: Gestisce efficacemente diverse lingue, consentendo interazioni multilingue.
  • Ragionamento contestuale: Fornisce risposte pertinenti grazie alla sua capacità di comprendere il contesto.

Cosa lo distingue da GPT-4 Turbo

Sebbene GPT-4 Turbo sia un modello potente, GPT-4o presenta alcuni vantaggi significativi:

  1. Capacità di elaborazione multimodale: A differenza di GPT-4 Turbo, limitato al testo, GPT-4o può analizzare e integrare input visivi e testuali contemporaneamente.
  2. Finestra contestuale più ampia: Con una finestra contestuale di 32.768 token (circa 64.000 parole), GPT-4o può gestire contesti più lunghi e complessi rispetto a GPT-4 Turbo.
  3. Riduzione degli errori e dei bias: Grazie agli algoritmi di apprendimento rinforzato, GPT-4o presenta una riduzione significativa degli errori e dei bias presenti nei dati di addestramento.

Queste caratteristiche rendono GPT-4o uno strumento potente e versatile, in grado di offrire un’esperienza utente senza precedenti nell’ambito dell’elaborazione del linguaggio naturale e dell’interazione uomo-macchina.

Non dobbiamo dimenticare anche la possibilità di interazione in tempo reale, nel senso che è possibile interrompere l’assistente in qualsiasi momento con la voce, come lo si farebbe con una persona vera, introducendo nuove informazioni, cambiando contesto o deviando la discussione verso altri argomenti.

I casi d’uso di GPT-4o

L’interazione multi-modale testo, voce e immagini

GPT-4o è in grado di accettare input di diverse modalità, come testovoce e immagini. Questa caratteristica, definita multimodale, lo rende un assistente virtuale estremamente versatile e intuitivo. Analizziamo alcuni casi d’uso chiave di questa funzionalità:

  • Analisi di immagini: GPT-4o può descrivere e interpretare immagini, integrando le informazioni visive con quelle testuali. Ad esempio, è possibile inviare una fotografia di un piatto e chiedere a GPT-4o di analizzarne gli ingredienti o suggerire abbinamenti di vini.
  • Comandi vocali: Grazie alla capacità di comprendere gli input vocali, GPT-4o può essere utilizzato per impartire comandi o porre domande semplicemente parlando. Questa funzione è particolarmente utile in situazioni in cui le mani non sono libere, come durante la guida o mentre si svolgono attività manuali.
  • Generazione di contenuti multimediali: GPT-4o può generare non solo testi, ma anche didascalie per immagini, descrizioni di video e persino sceneggiature, integrando diverse modalità di comunicazione in un unico output coerente.

L’uso delle interazioni real-time e il tono della voce

Un altro aspetto rivoluzionario di GPT-4o è la sua capacità di comprendere e rispondere in tempo reale, adattando il tono della voce e il linguaggio in base al contesto. Ecco alcuni esempi:

  • Assistenza virtuale personalizzata: GPT-4o può essere utilizzato come assistente virtuale in ambito aziendale o domestico, adattando il linguaggio e il tono della voce in base all’interlocutore e alla situazione specifica.
  • Supporto emotivo: Grazie alla sua capacità di rilevare le emozioni e il tono della voce, GPT-4o può offrire supporto emotivo e consigli personalizzati in situazioni di stress o difficoltà.
  • Intrattenimento e giochi: GPT-4o può essere utilizzato per creare esperienze di gioco interattive e coinvolgenti, reagendo in tempo reale alle azioni dell’utente e adattando la narrazione di conseguenza.

L’importanza della personalizzazione e la memorizzazione delle informazioni

Una delle caratteristiche chiave di GPT-4o è la sua capacità di personalizzare le interazioni e memorizzare le informazioni rilevanti. Ciò apre numerose possibilità:

  • Apprendimento personalizzato: GPT-4o può essere addestrato su specifici argomenti o settori, consentendo di ottenere risposte e suggerimenti altamente pertinenti e specializzati.
  • Memorizzazione delle preferenze: Memorizzando le preferenze e le informazioni personali degli utenti, GPT-4o può offrire un’esperienza su misura, evitando di ripetere informazioni già note.
  • Collaborazione a lungo termine: Grazie alla sua capacità di memorizzare le informazioni, GPT-4o può essere utilizzato per collaborare a progetti di lunga durata, mantenendo la coerenza e il contesto nel corso del tempo.

Quando sarà disponibile GPT-4o?

Il piano di rollout per gli utenti gratuiti

OpenAI sta adottando un approccio graduale per il rilascio di GPT-4o agli utenti gratuiti che inizia oggi.

Come spiega nel suo sito, non sarà necessario pagare per provare il nuovo assistente, consentendo a tutti di usarlo e, dal punto di vista di OpenAI, addestrarlo meglio.

L’assistente è compatibile con 50 lingue diverse, tra cui l’italiano.

Il piano di rollout per gli utenti a pagamento

Per gli utenti disposti a sottoscrivere un abbonamento a pagamento, OpenAI offre l’accesso completo alle funzionalità di GPT-4o attraverso i piani ChatGPT Plus, Team e Enterprise.

Questi abbonamenti consentono di sfruttare appieno i numerosi benefici del modello, come capacità di scrittura avanzate, ragionamento logico potenziato e programmazione migliorata.

Il limite di utilizzo delle interazioni viene moltiplicato di 5 volte rispetto agli utenti gratuiti, consentendo interazioni con meno limiti.

L’accesso alle API

Per gli sviluppatori e le aziende che desiderano integrare GPT-4o nelle loro applicazioni, OpenAI offre l’accesso alle API (Application Programming Interface) del modello. Tuttavia, al momento, l’accesso alle API di GPT-4o è limitato a una lista d’attesa.

E Siri?

Apple ha stretto un accordo con OpenAI

Secondo diverse fonti autorevoli, Apple avrebbe stretto un accordo con OpenAIper integrare alcune delle tecnologie dell’azienda di San Francisco nei suoi dispositivi, a partire dall’iPhone. L’obiettivo principale sarebbe quello di potenziare Siri, l’assistente vocale di Apple, rendendolo più colloquiale e versatile.

Le trattative per finalizzare i termini di licenza sarebbero quasi ultimate, ma l’intenzione di Apple sarebbe quella di sfruttare le capacità di ChatGPT per migliorare Siri già a partire da iOS 18, il prossimo sistema operativo per iPhone previsto per la WWDC 2024.

Fa pensare, comunque, il fatto che OpenAI abbia presentato GPT-4o un giorno prima il Google I/O 2024. C’è quasi il sospetto che la società abbia voluto anticiparla e offrire una finestra su un prodotto concorrente, concorrente appunto ad Android.

Siri potrebbe beneficiare anche dell’integrazione con iOS e app

Oltre alle nuove funzionalità legate all’intelligenza artificiale, Siri potrebbe beneficiare di una migliore integrazione con il sistema operativo iOS e le app di Apple.

Ad esempio, potrebbe essere in grado di riassumere i messaggi di testo o interagire in modo più fluido con altre applicazioni come Mappe o Musica.

In conclusione

GPT-4o rappresenta un significativo passo avanti nell’ambito dell’intelligenza artificiale. Grazie alle sue capacità multimodali, è in grado di comprendere e rispondere a input di diversa natura, come testovoce e immagini. Queste funzionalità lo rendono un assistente virtuale estremamente versatile e intuitivo, in grado di offrire un’esperienza utente personalizzata e coinvolgente.

Un enorme passo avanti nel settore dell’intelligenza artificiale. Sam Altman, CEO di OpenAI, ha annunciato che si tratta di una delle tante milestone a cui la società sta lavorando. I prossimi passi saranno un motore di ricerca alternativo a Google e GPT-5 che farà rabbrividire per intelligenza GPT-4.

Leave a comment

Cosa ne pensi?